Home Prodotti Sicurezza Facebook, diffusi in rete i dati di 533 milioni di utenti

Facebook, diffusi in rete i dati di 533 milioni di utenti

Ancora problemi con la privacy dei dati personali per Facebook.
Stando a quanto scoperto da Alon Gal, Cto e co-fondatore di Hundson Rock, i dati di ben 533 milioni di utenti sono stati pubblicati da un utente su un forum di hacking.

I dati esposti includono informazioni personali di utenti Facebook di 106 paesi. I dettagli includono i loro numeri di telefono, ID Facebook, nome e cognome, luogo e data di nascita, biografia e non di rado anche gli indirizzi di posta elettronica.

Anche se vecchi di un paio d’anni, i dati trapelati potrebbero fornire informazioni preziose ai criminali informatici. Il cybercrime infatti utilizza le informazioni personali delle persone per impersonarle o cercare di carpirne credenziali di accesso.

Gal ha scoperto per la prima volta i dati trapelati a gennaio, quando un utente nello stesso forum di hacking ha pubblicizzato un bot automatico.
Il bot era in grado di fornire numeri di telefono a centinaia di milioni di utenti di Facebook in cambio di un compenso.
In questo caso, la diffusione gratuita dei dati appare avere lo scopo di accrescere la propria popolarità e autorevolezza sulla scena dell’hacking.

Per Facebook non si tratta certo del primo episodio di violazione. Ad esempio in moltissimi, ne siamo certi, ricorderanno lo scandalo Cambridge Analytica.

Sullo sfondo, ma neppure troppo l’importanza crescente della privacy dei dati. Un tema su cui la consapevolezza è tuttavia ancora lontana da un livello adeguato.

Non è pensabile che siano solo le istituzioni a dover tutelare il diritto alla privacy; è indispensabile che la base di utenti prenda coscienza dell’importanza di comportamenti accorti a tutela dei propri diritti su internet.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php