Home Mercato Esprinet tesaurizza i risultati e le buone pratiche del 2019

Esprinet tesaurizza i risultati e le buone pratiche del 2019

Il Consiglio di Amministrazione di Esprinet ha approvato il Bilancio consolidato e il Progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019.

L’anno 2019 si è chiuso con dati tutti di segno positivo: utile netto a 23 milioni di euro, in aumento del 66% rispetto al 2018, e di cui è stata proposta la destinazione a riserva in via prudenziale. Ma prima ancora, ricavi a 3,945 miliardi di euro (+10%), e posizione finanzaria netta positiva oltre i 272 milioni di euro, in crescita rispetto al 2018 (241 milioni).

Eloquenti in merito le parole del Ceo di Esprinet, Alessandro Cattani, affidate a una nota: “Chiudiamo il 2019 con eccellenti risultati economici e con una struttura patrimoniale solida. Il Gruppo ha mantenuto la piena operatività in tutto il periodo di lockdown grazie alle procedure di smart working avviate negli ultimi due anni ed ai forti presidi tecnologici ed operativi sviluppati nel tempo. Operando all’insegna della massima tutela dei propri dipendenti in una filiera strategica per il funzionamento delle nazioni in cui è attivo, il Gruppo è ottimamente posizionato per gestire questo periodo di crisi ma anche per cogliere le eventuali opportunità di crescita di medio-lungo termine, sia per linee interne che tramite acquisizioni».

In tema di liquidità, sempre molto importante e ancora di più in questo periodo, il Gruppo Esprinet, evidenzia il Ceo, ha da tempo adottato una politica di gestione del rischio di liquidità molto conservativa, improntata alla massima prudenza nella pianificazione dei flussi di tesoreria e sul costante ricorso a fonti committed anche per il finanziamento di almeno parte del capitale circolante.

Esprinet, risultati consolidati al 31 dicembre 2019

I ricavi da contratti con clienti si attestano a 3.945,4 milioni di euro, +10% rispetto a 3.571,2 milioni di euro nel 2018.

€/milioni 2019 2018 Var. %
Italia 2.494,7 2.214,7 13%
Spagna 1.378,0 1.300,2 6%
Portogallo 38,5 30,2 27%
Altri Paesi UE 20,1 17,5 15%
Altri Paesi extra-UE 14,1 8,6 64%
Ricavi da contratti con clienti 3.945,4 3.571,2 10%

 

Nel 2019 i mercati di riferimento del Gruppo hanno registrato una significativa crescita: secondo i dati Context, il mercato in Italia è stimato pari a 8.022 milioni di euro (+8% rispetto al 2018), mentre la Spagna vale 15.561 milioni di euro (+6% rispetto al 2018). Esprinet sovraperforma il mercato e si conferma leader nell’Europa meridionale, con una market share di oltre il 26%, segnando un incremento dei ricavi sia in Italia (2.494,7 milioni di euro, +13% rispetto al 2018) che in Spagna (1.378,0 milioni di euro, +6% rispetto al 2018).

€/milioni 2019 2018 Var. %
PC (notebook, tablet, desktop, monitor) 1.372,8 1.212,8 13%
Stampanti e consumabili 418,3 393,1 6%
Altri prodotti 244,9 237,9 3%
Totale IT Clients 2.036,0 1.843,8 10%
Hardware (networking, storage, server e altri) 407,4 409,0 0%
Software, Servizi, Cloud 153,6 146,8 5%
Totale Advanced Solutions 561,0 555,7 1%
Smartphones 1.103,2 997,4 11%
Elettrodomestici 55,7 37,2 50%
Gaming (hardware e software) 43,4 29,5 47%
Altri prodotti 191,0 152,5 25%
Totale Consumer Electronics 1.393,3 1.216,6 15%
Rettifiche per riconciliazione (44,9) (44,9) 0%
Ricavi da contratti con clienti 3.945,4 3.571,2 10%

 

L’analisi dei ricavi per linea di prodotto evidenzia un significativo incremento del segmento Consumer Electronics (1.393,3 milioni di euro, +15%), nell’ambito del quale si registrano, oltre alla crescita del +11% per gli Smartphones, performance positive per segmenti ad alto margine come Elettrodomestici (+50%) e Gaming (43,4 milioni di euro, +47% rispetto al 2018 anche grazie alla acquisizione di 4Side Srl, distributore in esclusiva per l’Italia dei prodotti Activision Blizzard). Il segmento IT Clients è trainato sia dalla positiva performance dei PC (+13%) che dalle Stampanti e Consumabili che registra ricavi pari a 418,3 milioni di euro, +6% rispetto a 393,1 milioni di euro nel 2018.

€/milioni 2019 2018 Var. %
Retailer/e-tailer 1.930,8 1.661,7 16%
IT Reseller 2.059,5 1.954,4 5%
Rettifiche per riconciliazione (44,9) (44,9) 0%
Ricavi da contratti con clienti 3.945,4 3.571,2 10%

 

La ripartizione dei ricavi per tipologia di cliente mostra una robusta crescita in entrambi i segmenti “consumer” e “business”. Particolarmente rilevante si è rivelata la crescita della categoria “Retailer/e-tailer” dove il Gruppo ha oramai consolidato una posizione di leadership assoluta. Il segmento IT Reseller, in crescita del +5%, rappresenta l’area nella quale il Gruppo intende focalizzare i propri investimenti nel corso del 2020.

Il margine Commerciale Lordo è pari a 176,1 milioni di euro, +3% rispetto al 2018 (171,4 milioni di euro); il margine percentuale mostra una chiara tenuta attestandosi al 4,46% dei ricavi, rispetto al 4,80% nel 2018.

L’EBIT corrente è pari a 41,1 milioni di euro e mostra un risultato pari al 2018 (41,0 milioni di euro), con un’incidenza sui ricavi pari a 1,04% (1,15% nel 2018).

L’EBIT corrente pre-IFRS 16 è pari a 39,1 milioni di euro ed è in linea con le attese.

L’EBIT è pari a 41,1 milioni di euro e mostra un incremento del +73% rispetto al 2018 (23,7 milioni di euro), con un’incidenza sui ricavi pari a 1,04% (0,66% nel 2018).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php