Home Enterprise Soluzioni Digital transformation: ecco le forze che stanno cambiando l'IT

Digital transformation: ecco le forze che stanno cambiando l’IT

Le aziende e i vendor parlano sempre genericamente di digital transformation e dei vari volti che essa assume nelle imprese.

IT manager e CIO sanno che il loro ruolo cambia e viene valutato sempre più nell’ottica delle tecnologie come fattori abilitanti per nuovi prodotti e servizi. Ma il rischio è quello di passare da termini onnicomprensivi – in primis proprio digital transformation – ad applicazioni pratiche molto specifiche, senza una via di mezzo.

In realtà la digital transformation si può anche vedere come il portato di trend di sviluppo tecnologico-applicativo.

Come un obiettivo al quale tendono forze meno generiche ma allo stesso tempo abbastanza trasversali da comprendere molte applicazioni pratiche. Alcune di queste forze sono ovvie e altre meno, tutte possono toccare in vario modo la quotidianità dell’IT.

Una parte importante di queste forze di digital transformation riguarda il mettere in grado i sistemi IT di svolgere in modo automatico determinati compiti e processi, facendo leva su competenze non solo codificate staticamente ma anche “apprese” in machine learning.

Il risultato a tendere è in generale fare in modo che ci sia un sistema sempre pronto a completare certe funzioni nella maniera migliore. Che si tratti di supporto clienti o di funzioni dell’IT stessa, fa poca differenza.

I termini che si usano per descrivere questo macro-trend sono diversi, a seconda di quale aspetto si voglia mettere maggiormente in luce.

Il concetto di automazione è quello più logico ed evidente, nella visione ottimistica della digital transformation secondo cui automatizzare i compiti più noiosi liberi tempo per usare le risorse dell’IT in maniera più produttiva per il business.

Automatizzare però non basta, secondo molti analisti. L’automazione è la base su cui poggiare altri obiettivi più ambiziosi, in cui lo staff IT in un certo senso acquista nuovi “colleghi” nelle funzioni di intelligenza artificiale e machine learning. Si parla in questo senso sempre più di simbiosi tra parte umana e AI.

Ciò che è ben definito e ripetibile si può automatizzare già ora, dalla collaborazione tra AI e personale umano nasceranno componenti che saranno in grado di velocizzare e semplificare operazioni più complesse: ottimizzare infrastrutture IT, reagire meglio alle intrusioni in rete, mettere in piedi parti di progetti IT articolati.

I soft skill

Ma le questioni tecniche sono solo una parte dell’evoluzione introdotta genericamente dalla digitial transformation. Se l’IT vuole essere davvero produttiva e non travolta dall’automazione deve seguire alcune direttrici evolutive che riguardano i cosiddetti “soft skill”, competenze e attitudini non tecniche che saranno quelle non automatizzabili. Le parole chiave in questo senso sono velocità, elasticità e flessibilità.

La velocità è quella che viene richiesta all’IT nell’identificare le nuove tecnologie a maggior valore e nell’implementarle in azienda. Anche in maniera proattiva nei confronti delle altre figure d’impresa, quindi con lo sviluppo di competenze di business per capire cosa porti davvero vantaggi all’impresa e cosa no.

Da qui anche la richiesta di agilità, intesa sia dal punto di vista più tecnico delle tecnologie di sviluppo agile sia come capacità di adattarsi a comunicare con dipartimenti diversi dell’impresa e di comprendere le loro esigenze.

Si viene così a creare un ambiente dinamico in cui lo staff IT deve essere flessibile. La parte “statica” del suo lavoro passerà sempre più alle funzioni di automazione, la flessibilità è la capacità di affrontare tutto il resto: affrontare ciò che non è prevedibile, capire che bisogna seguire strade nuove per risolvere un problema.

Il concetto di fondo, spiegano in sostanza diversi osservatori, è che a far avanzare la tecnologia saranno sempre più proprio coloro che sono capaci di esserle un passo avanti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php