Home Hardware Server Dell potenzia AI e edge computing con i server PowerEdge

Dell potenzia AI e edge computing con i server PowerEdge

Dell Technologies inaugura una nuova generazione di sistemi presentando il portafoglio di server Dell EMC PowerEdge più potente e sicuro mai realizzato. Con questi nuovi server, Dell Technologies traccia il percorso verso un’infrastruttura autonoma che offre un livello di efficienza IT superiore abbracciando AI e rispondendo alle esigenze dell’IT negli ambienti edge.

Il portafoglio di server Dell mette a disposizione la potenza necessaria per acquisire e valorizzare insight in tempo reale ricavandoli dai dati ovunque questi risiedano, dai data center core fino ai cloud pubblici e agli ambienti edge. Ripensata con 17 nuovi modelli PowerEdge e consolidata con 1.100 brevetti Dell già riconosciuti o in attesa di registrazione negli Stati Uniti, la nuova gamma di server fornisce le prestazioni più elevate mai raggiunte fino a oggi.

L’autonomous computing aiuterà i clienti a disporre in futuro di infrastrutture capaci di auto-deployment, auto-provisioning e auto-gestione.
Attraverso Dell EMC OpenManage Enterprise, la gestione di sistema e i server PowerEdge possono ottimizzare i tempi fino all’85% ed eliminare molteplici passaggi proprio grazie all’automazione.

Ottimizzando le più recenti tecnologie predisposte da Amd e Intel, i nuovi server PowerEdge mettono a disposizione la potenza di calcolo richiesta dai workload e dalle applicazioni più esigenti.
Due esempi delle relative novità sono il PowerEdge R6515, modello dotato dei processori Amd Epyc di terza generazione, che accelera le capacità di elaborazione dati fin del 60% nei database di big data Hadoop velocizzando il time-to-insights e PowerEdge R750, server equipaggiato con i prossimi processori Intel Xeon Scalable di terza generazione, raggiunge fino al 43% di performance in più rispetto alla precedente generazione nella risoluzione di equazioni lineari altamente parallele, supportando i workload con i maggiori requisiti di calcolo.

dell poweredge

I server PowerEdge adottano adesso la tecnologia PCIe Gen 4.0 – raddoppiando in questo modo le prestazioni di throughput rispetto alla generazione precedente – e dispongono di un massimo di sei acceleratori per server allo scopo di supportare i workload più impegnativi a utilizzo intensivo di dati.
Queste tecnologie, combinate con l’intelligenza autonoma di PowerEdge, rendono il portfolio particolarmente adatto a sfruttare l’intelligenza artificiale, permettendo alle aziende di anticipare e rispondere più rapidamente alle loro esigenze.

Creato per resistere ad ambienti ostili e remoti, il portafoglio comprende adesso i nuovi server rugged PowerEdge XR11 e XR12 che introducono performance e sicurezza di livello enterprise all’interno di un fattore forma robusto. Con uno chassis particolarmente resistente, un ingombro minimale e il supporto di molteplici acceleratori, i server a profondità ridotta XR11 e XR12 basati su Intel sono realizzati per le crescenti esigenze dei workload in ambienti edge.

Creato con un’architettura cyber-resiliente e una solida Root of Trust implementata su silicio, il nuovo approccio comprensivo garantisce che i server PowerEdge restino protetti durante tutto il loro ciclo di vita, dalla fabbricazione fino al deployment e oltre.

La sicurezza prende il via prima del deployment con Dell Technologies Secured Component Verification, una proposta assolutamente innovativa per i server Dell che rappresenta un’estensione del processo di assurance Dell Secure Supply Chain.
Grazie a funzionalità esclusive come PowerEdge UEFI Secure Boot Customization,la sicurezza della fase di boot può essere gestita più da vicino per neutralizzare meglio eventuali attacchi.

Con uno chassis appositamente progettato, i nuovi server dispongono di ventole canalizzate e di raffreddamento adattativo per un consumo di energia maggiormente efficiente – fino al 60% in più rispetto alla precedente generazione. In combinazione con un sistema di raffreddamento multi-vettore, PowerEdge dirige automaticamente il flusso dell’aria verso la parte più calda del server così da ottimizzarne il raffreddamento. La funzione Direct Liquid Cooling, disponibile su alcuni modelli selezionati, adotta una tecnologia proprietaria per il rilevamento delle perdite che aiuta a identificare e risolvere gli inconvenienti più rapidamente.

Con Project Apex, Dell Technologies sta reinventando il modo in cui i propri clienti acquisiscono e consumano l’IT. Le fondamenta di Project Apex si trovano nella Dell Technologies Cloud Console, che fornisce un’unica esperienza trasparente con la quale le aziende possono gestire il proprio percorso verso il cloud e il modello as-a-Service.

Attraverso la Dell Tech Cloud Console i clienti possono già abbonarsi e configurare le istanze desiderate in ambienti cloud privati o ibridi per ottimizzare le capacità infrastrutturali in linea con i rispettivi workload. In futuro le aziende saranno in grado di creare istanze per macchine virtuali e workload basati su container ricevendole nel proprio data center piuttosto che all’edge attraverso un listino pay-as-you-go.

Infine, la nuova gamma di server PowerEdge è disponibile con Flex On Demand permettendo ai clienti di acquisire la tecnologia di cui hanno bisogno a fronte di pagamenti allineati all’utilizzo effettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php