Home Interviste Data4: un approccio CSR più virtuoso a livello globale

Data4: un approccio CSR più virtuoso a livello globale

Responsabilità sociale di impresa, in inglese CSR: è la sfida del momento (e del futuro) con cui dovranno fare i conti tutte le organizzazioni, e il mondo It non fa certo eccezione. Intervistiamo per voi i leader di settore, svelandone strategie, impostazioni e focus d’azione. La tecnologia al servizio di società più eque ed inclusive non è uno slogan privo di contenuti, ma un obbiettivo concreto.
Del resto le aspettative dei cittadini sono elevate e impossibili da ignorare: una ricerca del World Economic Forum realizzata assieme ad Ipsos ha svelato che l’86% delle persone intervistate vorrebbe miglioramenti significativi in termini di inclusività ed equità sociale.
01net ha quindi deciso di intervistare le aziende più prestigiose del mercato It, chiedendo loro in che modo è cambiato il loro modello di business per accogliere queste importanti istanze.

Per Data4 ha risposto alle nostre domande Marie Chabanon, CTO di Data4 Group.

La Corporate Social Responsibility sta determinando importanti cambiamenti nel modo di operare e produrre delle organizzazioni. Etica e profittabilità sono ancora temi opposti, oppure possono convivere con successo?

Possono assolutamente convivere con successo – è una questione più ‘culturale’ che di strategia aziendale legata al profitto. Le nuove generazioni daranno un impulso maggiore a questo trend.

In virtù del suo ruolo di leader europeo, Data4 ha implementato un programma di sviluppo sociale e sostenibile – Data4 Good – che ripensa l’intero modello di business per garantire che la sua crescita sia volta ad uno sviluppo digitale ed economico responsabile.

Il programma ha quattro aree principali di attenzione:

  • Data4 Environment per ridurre l’impronta ambientale delle sue attività. Data4, che già utilizza il 100% di energia a bassa emissione di carbonio per compensare l’energia consumata dai suoi data center, sta dirigendo i suoi investimenti sulla base della sua valutazione dei gas serra (GHG) e del Life Cycle Assessment (LCA) delle sue infrastrutture durante tutto il loro ciclo di vita. Il gruppo si impegna quindi a studiare soluzioni innovative per ridurre le emissioni dirette e indirette dell’insieme delle sue attività.
  • Data4 Innovation per promuovere la tecnologia digitale responsabile in collaborazione con l’ecosistema di clienti e fornitori di servizi del gruppo.
  • Data4 Community per contribuire alle sfide sociali e ambientali dei territori in cui si trovano i campus europei. Lancio di diverse iniziative a livello comunale, dipartimentale e regionale.
  • Data4 People: Data4 sta attuando un programma per proteggere la salute e la qualità della vita sul lavoro dei suoi dipendenti e dei suoi partner nei suoi siti, e per rafforzare la diversità di genere e lo spirito di squadra.

Essere inclusivi e aperti ad ogni tipo di minoranza: un’affermazione che, in passato, è stata più dichiarazione di principio che concreta realtà. Quali sono le vostre policy da questo punto di vista?

Consapevole della propria responsabilità in quanto leader europeo nel settore della costruzione, gestione e finanziamento di datacenter, Data4 è in prima linea per valorizzare la presenza femminile nelle professioni del futuro, vantando un Board Management composto al 43% da donne.

Data4 è molto sensibile a tematiche di questo tipo e a tematiche legate alla diversity. A dimostrazione di ciò, i ruoli chiave della struttura societaria sono ricoperti in modo equamente suddiviso, e si presta molta attenzione a quelle che sono le differenti dinamiche lavorative in modo che tutti abbiano una voce e ci sia equità di genere non solamente tra i vertici ma anche nei vari dipartimenti.

Nonostante l’esigenza crescente da parte delle imprese di reclutare profili tecnici, infatti, ancora oggi quando si parla di competenze STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) si incontrano pregiudizi e stereotipizzazioni che precludono o non incoraggiano le donne ad intraprendere una carriera in campo scientifico. Consapevole della propria responsabilità in quanto leader europeo nel settore della costruzione, gestione e finanziamento di datacenter, Data4 è in prima linea per valorizzare la presenza femminile nelle professioni del futuro, vantando un Board Management composto al 43% da donne.

La società ha inoltre fatto propri i valori del “Zero Gender Gap”, accordo firmato da Data4 in occasione del Women’s Forum G20 Italia che ha riunito decisori internazionali pubblici e privati per incoraggiare azioni concrete ad inclusione e sostegno delle donne nell’economia, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile.

Inoltre, a nome di Data4 ho sottoscritto la carta d’impegno per il clima “Women4Climate” del Women’s Forum, che promuove le donne a posizioni di responsabilità con particolare attenzione a progetti dedicati al miglioramento dell’impatto ambientale.

La sfida oggi parte da noi, per sradicare il pregiudizio che conduce molti a ritenere che i vertici manageriali di grandi aziende operanti in campo STEM debbano essere ricoperti da uomini. Credo fermamente che le donne non si nascondano affatto, ma che ancora fatichino ad essere riconosciute.

È quindi tanto urgente che le istituzioni si adoperino per lanciare iniziative ed incentivare i dibattiti quanto il fatto che le aziende adottino politiche volte a sostenere il percorso delle proprie dipendenti donne. La presenza di donne che ricoprono ruoli rilevanti nel settore STEM costituisce infatti un esempio per molte altre e per le giovani generazioni in cerca di modelli in cui rivedersi.

Parlare di responsabilità sociale sarebbe impossibile senza riflettere sull’integrazione con le comunità in cui le società operano. Che progetti avete per il nostro Paese?

Marie Chabanon, CTO di Data4 Group
Marie Chabanon, CTO di Data4 Group

La strategia del gruppo ha dimostrato e dimostra che la presenza sul territorio risulta fondamentale per la riqualificazione delle aree coinvolte, inoltre grazie al solido rapporto di stima e fiducia reciproca con i comuni di Cornaredo e Settimo Milanese, su cui sorge il campus, assistiamo ad un incremento delle attività di mutuo supporto tra i differenti player.

In particolare, stiamo sviluppando varie iniziative in collaborazione e/o a supporto di realtà locali, come ad esempio la costruzione di un parco giochi con il comune di Cornaredo per la scuola materna di Via Mazzini e la collaborazione con l’Associazione Risorgiva che riunisce gli apicultori locali di Settimo Milanese.

L’iniziativa prevede che, oltre alla manutenzione di uno spazio dedicato, la formazione di giovani apicultori avvenga direttamente sul Campus Data4, dove sarà prodotto e invasettato del miele che sarà poi venduto con l’obiettivo di devolvere il ricavato alla ricerca.

Il welfare aziendale, molto sviluppato nelle nazioni del nord Europa, ha fatto fatica ad affermarsi in modo organico in Italia. Nelle vesti di leader It, in che modo agevolate la vostra forza lavoro?

Data4 ha un programma focalizzato sul welfare aziendale volto al miglioramento delle condizioni generali dei dipendenti sottolineate dai rapporti stretti e continuativi con il dipartimento HR e dal desiderio di creare un ambiente di lavoro sereno in cui predominino equità di genere e work-life balance.

In ultimo, impossibile non parlare di sostenibilità ambientale, anche alla luce della COP26 e della fortissima sensibilità sulle tematiche da parte dell’opinione pubblica. Come avete progettato la vostra roadmap per ridurre la vostra impronta ecologica?

Data4

Data4, crede molto nei progetti di sostenibilità, tanto da creare un team apposito che collabora a livello gruppo e a livello di ogni singola filiale per supportare tutte le attività di sostenibilità ambientale e ridurre l’impatto strutturale dei propri campus data center sull’ambiente. Tra le attività più riuscite, una stretta collaborazione con i Comuni di Cornaredo e Settimo per tutte le attività di sostegno agli apicoltori, piantumazione del verde, bonifica aree verdi e fontanili, creazione di parchi e sostituzione di giochi obsoleti con strutture in plastica riciclata.

Inoltre, il team Costruction si sta impegnando nella ricerca di materiali resistenti e di qualità è maggiormente ecologici come ad esempio il cemento verde, in fase di studio. Si tratta di tutta una serie di attività “work in progress” che sono ormai ampiamente avviate e che si arricchiscono di nuovi spunti giorno dopo giorno.

In quanto pilastri del mondo digitale, i data center sostengono la trasformazione digitale del settore aziendale e della società nel suo complesso. La nostra responsabilità sociale e ambientale è quindi molto importante. Con il suo programma Data4 Good, Data4 mira a dimostrare che la crescita economica e le attività legate al mercato del digitale possono essere conciliate con un modello di business sostenibile che rispetta le esigenze ambientali e sociali del nostro tempo.

In particolare, per raggiungere gli obiettivi di carbon neutrality, Data4 interviene sulle emissioni legate al consumo di energia e al ciclo di vita degli edifici e delle attrezzature (attrezzature tecniche alimentate a idrogeno, cemento a basso contenuto di carbonio): l’analisi del ciclo di vita ha infatti lo scopo di valutare l’impronta ambientale della nostra attività nel suo complesso.

In sostanza, non si parla solo di emissioni di CO2, ma anche di dei consumi di acqua, terre rare ecc. Ciò si aggiunge all’ accompagnamento quotidiano dei nostri clienti e partner nel loro percorso verso un basso utilizzo di carbonio.

Data4, crede molto nei progetti di sostenibilità, tanto da creare un team apposito che collabora a livello gruppo e a livello di ogni singola filiale per supportare tutte le attività di sostenibilità ambientale e ridurre l’impatto strutturale dei propri campus data center sull’ambiente.

Per fare ciò, Data4 sta adottando un approccio più virtuoso alle CSR a livello globale aiutando i clienti a diventare più sostenibili dando loro accesso a KPI che consentono di calcolare meglio l’impatto ambientale del loro spazio di hosting e delle apparecchiature It per prendere decisioni migliori e più consapevoli.

Tutte queste azioni fanno parte della certificazione ISO 14001 (gestione ambientale) che Data4 ha ricevuto diversi anni fa. A conferma del suo impegno in questa direzione, Data4 è firmataria del Climate Neutral Datacenter Pact (25 operatori e 17 associazioni) attraverso il quale il settore mira ad essere carbon neutral entro il 2030 attraverso l’efficienza energetica, l’acquisto di energia decarbonizzata al 100% e il rispetto di un obiettivo annuale per minimizzare l’utilizzo dell’acqua.

Tutti i Campus di Data4 sono alimentati al 100% da fonti di energia rinnovabile e il consumo di elettricità è coperto da certificati prodotti in Francia e in Italia per i data center situati in questi Paesi.

Leggi tutti i nostri articoli su Data4

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php