Home Cloud Da AWS tre nuovi servizi per l'intelligenza artificiale

Da AWS tre nuovi servizi per l’intelligenza artificiale

Ne abbiamo scritto pochi giorni fa, anticipando l’apertura ufficiale di re:invent, l’evento annuale dedicato all’ecosistema che ruota intorno ad Amazon Web Services: la società avrebbe avuto in serbo qualcosa di più di semplici aggiornamenti.
E così è stato.

Dopo la prima giornata di lavori, sono almeno sei  blocchi di annunci che la società ha rilasciato e che toccano i punti cruciali della sua offerta, intelligenza artificiale inclusa.

Tre servizi per l’Intelligenza Artificiale

Per quanto riguarda infatti l’ambito dell’intelligenza artificiale, ad esempio, AWS ha annunciato tre nuovi servizi, Amazon Lex, Amazon Polly e Amazon Rekognition, che dovrebbero facilitare il compito degli sviluppatori interessati a realizzare applicazioni che comprendono il linguaggio naturale, che trasformano il testo scritto in un parlato n linguaggio corrente, possono condurre conversazioni sia in forma testuale sia in forma vocale, siano in grado di analizzare le immagini riconoscendo facce, oggetti e scene.Tutti sono basati sulle stesse tecnologie di base e, cosa ancora più importante, tutti sono rilasciati come servizi gestiti, evitando allo sviluppatore la creazione di algoritmi specifici di deep learning o di machine learning.

Amazon Lex è un nuovo servizio che consente la creazione di interfacce conversazionali che utilizzano sia voce sia testo. È stato sviluppato utilizzando la tecnologia di riconoscimento automatico del parlato e di comprensione del linguaggio naturale alla base di Alexa.
Secondo quanto scrive Amazon, dovrebbe consentire agli sviluppatori di aggiungere funzionalità di comprensione del parlato a qualunque app, tramite bot testabili direttamente dalla console di gestione.
È sufficiente impostare i parametri desiderati, nel caso di un comando per la ricerca di un volo, ad esempio, le date, le destinazioni, il numero di passeggeri, è Amazon Lex che crea il modello, connettendo per altro la conversazione ai servizi di backend necessari, grazie a AWS Lambda.

Amazon Polly è invece un servizio che guarda all’output dei servizi di conversione testuale. Facilita infatti gli sviluppatori che vogliono integrare funzionalità più vicine al linguaggio parlato in applicazioni esistenti, ad esempio i newsreader oppure le piattaforme di elearning, oppure in applicazioni del tutto nuove. Lo strumento, anche in questo caso gestito dalla Management Console di AWS, presenta 47 voci “umane” e supporta 24 lingue. Tutto questo in nome di una user experience di alto livello.

Infine Amazon Rekognition consente agli sviluppatori di realizzare applicazioni in grado di analizzare le immagini riconoscendo facce, oggetti e scene. Si tratta di uno strumento di intelligenza artificiale che utilizza tecnologie di deep learning per identificare gli oggetti, come veicoli, animali, mobili, ma anche le persone e le loro espressioni. Rekognition è in grado di identificare se in due immagini compaiono le stesse persone. Soprattutto è in grado di lavorare su migliaia di immagini, riducendo i tempi necessari al processo di gestione e classificazione. Il servizio ha un costo in base al numero delle immagini analizzate.

amazon lex

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php