device 5g

I consumatori statunitensi riconoscono che i benefici del 5G si estendono molto oltre la maggiore velocità e una migliore qualità della connettività: il 31 percento di essi è interessato a usare il 5G per migliorare la propria esperienza con dispositivi domestici connessi e il 26 percento per migliorare quella con il cloud e il gaming online.

Un altro 64 percento è interessato a utilizzare il 5G per esperienze migliori di realtà aumentata e virtuale per quel che riguarda eventi specifici, come il Super Bowl e gli Oscar.

Queste evidenze provengono dai risultati del sondaggio del 2020 “What Consumers Really Want from 5G” condotto da Dynata su 1.000 consumatori statunitensi e annunciato da Amdocs, società di software e servizi specializzata nel supportare le aziende ad affrontare la digital transformation.

Il sondaggio, ha spiegato Amdocs, ha esaminato le opinioni dei consumatori negli Stati Uniti sul 5G, incluse quelle relative a quali esperienze desiderano che vengano abilitare.

Secondo Amdocs, i dati rivelano che il 5G ha le potenzialità per influenzare diversi aspetti della vita personale e professionale delle persone, e i CSP dovrebbero capitalizzare su questo interesse offrendo servizi nuovi e avanzati.

5G Amdocs

Molti consumatori, prosegue l’analisi di Amdocs, comprendono l'impatto del 5G sulle loro vite personali, ma riconoscono anche i potenziali benefici per la loro esperienza di lavoro remota e mobile.

Secondo i risultati del sondaggio, il 35 percento ritiene che la tecnologia porterà a migliori opzioni di videoconferenza, il 32 percento si aspetta migliori opportunità sia di training video che di sviluppo e il 61 percento ritiene che il 5G creerà più opportunità di lavorare in remoto, con una connessione Internet più veloce.

5G Amdocs

Secondo il sondaggio, il 70 per cento dei consumatori sarebbe disposto a pagare una tariffa mensile aggiuntiva per aggiungere servizi 5G al proprio piano. I consumatori negli Stati Uniti, infine, hanno elencato una serie di altre opzioni abilitate dal 5G che considererebbero di aggiungere alla propria offerta bundle: il 23 percento è interessato ai dispositivi domestici connessi (luci, termostati ed elettrodomestici smart) e il 33 percento aggiungerebbe abbonamenti in streaming (quali Apple TV, Netflix, Hulu, Disney+).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome