Con Lifesize Cloud si paga a consumo anche la singola videoconferenza

Emiliano Papadopoulos_Allnet.ItaliaSuperare i confini dello spazio di lavoro tradizionale.
È quanto consente di fare l’Unified communication and collaboration che, quando progettata nel modo corretto, è in grado di mettere in contatto tra loro persone dislocate in diverse parti del mondo in modo sicuro, veloce e con qualsiasi tipo di device.

A ribadirlo ci pensa Emiliano Papadopoulos, Ceo di Allnet.Italia, realtà specializzata nella distribuzione di soluzioni It e Tlc ad alto valore che, nell’ambito dei meeting virtuali, propone un’ampia gamma di soluzioni cloud based firmate Lifesize.

Non a caso, il trend indicato da analisti di mercato come Forrester Research, e prontamente portato all’attenzione da Papadopoulos, evidenzia una forte accelerazione nell’adozione di infrastrutture che, basate sulla nuvola, permettono la gestione dei propri servizi Uc as a Service con formule pay as you go utili a tenere sotto controllo i costi e a monetizzare gli investimenti.

Da qui l’evidente spinta a promuovere l’offerta di un produttore come Lifesize che, anche dal listino di altri attenti distributori a valore, propone sistemi concepiti per realtà di qualsiasi dimensione, in grado di garantire compatibilità con l’esistente e massima interoperabilità per chiamate audio/video in qualità full Hd.

In aggiunta alla videoconferenza, ulteriori funzionalità portate all’attenzione dei rivenditori e installatori clienti di Allnet.Italia riguardano verifica delle presenze, possibilità di connessioni istantanee con qualsiasi tipo di dispositivo e la condivisione di presentazioni durante il collegamento.

Il tutto, sottolinea a chiosa finale Papadopoulos, fornito con Lifesize Cloud in modalità as a Service, per permette alle aziende di usufruire di piani di abbonamento flessibili e personalizzati in base alle specifiche esigenze di utilizzo e di budget.

Obiettivo: offrire soluzioni capaci di ridurre al minimo i costi fissi di investimento iniziale e ottimizzare quelli relativi all’infrastruttura pagando a consumo anche la singola videoconferenza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here