<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Cloud Come monitorare l'efficacia dell'adozione del cloud secondo Aws

Come monitorare l’efficacia dell’adozione del cloud secondo Aws

Spesso chiediamo alle aziende quali siano gli obiettivi che intendono raggiungere passando al cloud, in modo che possano implementare soluzioni di successo e che consentano di misurare i loro progressi. Nurani Parasuraman, part of the Customer Solutions team in Aws, analizza le migliori tecniche per monitorare l’efficacia dell’adozione del cloud.

Monitorare l’efficacia dell’adozione del cloud

Alcune organizzazioni hanno avuto più successo di altre nel comprendere il valore dei servizi cloud, grazie anche a indicatori chiave di prestazione (KPI) in grado di misurare la salute e il progresso degli sforzi aziendali. Cosa rende unici i KPI per monitorare l’adozione del cloud? E come possiamo interpretarli per prendere decisioni corrette ed evitare insidie? In questo post, vedremo le sfide e alcune best practice utili a capire come misurare e monitorare l’efficacia delle iniziative d’uso del cloud.

Scegliere i KPI sbagliati può portare a risultati insoddisfacenti. Per esempio, dopo aver utilizzato soluzioni cloud per un anno, un’azienda si è resa conto che la qualità del software consegnato non era per nulla migliorata e la produttività degli sviluppatori era quasi identica a quella on-premise. Nonostante oltre l’80% dei dipendenti possedesse le competenze cloud necessarie, i risultati non erano quelli desiderati. Cosa stava andando storto? In primo luogo, le ore di formazione e il numero di certificazioni rientrano in quelle che vengono chiamati “indicatori della vanità”, semplici da misurare ma poco attendibili per valutare l’effettivo progresso.
Queste misure non tengono realmente traccia di come l’azienda abbia progredito verso obiettivi chiave, come il miglioramento della qualità finale del software. Una metrica migliore sarebbe stata il ” software release error rate”, che, se riferito a un team o a uno sviluppatore, avrebbe fornito informazioni più utili per migliorare la qualità del loro lavoro. Inoltre, un altro risultato desiderato dall’azienda sarebbe stato quello di ridurre il tempo necessario per la fornitura di infrastrutture ai team per lo sviluppo del software.
Grazie ad un’analisi più approfondita, è stato possibile comprendere come l’azienda stesse seguendo lo stesso oneroso flusso di lavoro on-premise, che richiedeva più approvazioni per il rilascio della fornitura e la distribuzione dell’infrastruttura. Infatti, non venivano efficacemente sfruttati gli strumenti “infrastructure as code ” che il cloud fornisce, che sarebbero stati in grado di accelerare in modo significativo il funzionamento dell’infrastruttura di approvvigionamento. Una volta che l’azienda ha implementato i giusti KPI e strumenti per monitorarli, è stato possibile misurare il reale impatto degli investimenti cloud.

Questo esempio mostra due principi fondamentali per il successo dell’adozione del cloud. In primo luogo, è importante scegliere i KPI giusti per monitorare il progresso verso gli obiettivi desiderati. In secondo luogo, per sfruttare appieno le capacità del cloud, è necessario ripensare e adattare i propri processi on-premise.

Sfide comuni nel monitoraggio dell’adozione del cloud

Il cloud non è una strategia in sé: è uno strumento utile a raggiungere risultati di business. Un errore comune è pensare all’adozione del cloud semplicemente come a un’iniziativa “tecnologica”, quando, in realtà, permette di migliorare l’agilità aziendale, la resilienza operativa e la produttività del personale, riducendo i costi. In questo caso, ogni tentativo di misurare i miglioramenti ottenuti grazie all’utilizzo del cloud deve essere più ampio di semplici metriche operative IT e deve essere legato ai risultati aziendali primari. Ma gli obiettivi di business legati al cloud sono sempre chiari? Purtroppo, è comune trovare manager con opinioni contrastanti su come sia meglio implementare soluzioni cloud. Inoltre, ogni impresa è unica e il ritmo di trasformazione e maturità varia di caso in caso: ciò che può funzionare in un’organizzazione potrebbe non essere appropriato per un’altra. Ad esempio, un’azienda a conduzione familiare che intende essere in attività per i prossimi 100 anni avrà diversi KPI rispetto a una società di private equity che intende rivendere la stessa attività in pochi anni.

Il cloud computing ha richiesto un cambiamento nelle pratiche aziendali. Infatti, l’infrastruttura è passata da una capacità “fissa” ad una scalabile ed “illimitata”. Hardware, software e accesso possono essere forniti rapidamente con l’automazione. Il modello di costo è passato da fisso a variabile. La governance è cambiata: i controlli manuali sono stati sostituiti da quelli continui e automatizzati in tempo reale. Per tutti questi motivi, anche le metriche devono cambiare. Prendiamo l’esempio di un team di infrastrutture IT, la cui reattività è misurata dalla velocità con cui risolvono i ticket generati dai team di applicazioni per il provisioning dell’infrastruttura. In un ambiente locale, un parametro comunemente utilizzato è il numero di biglietti irrisolti in coda. Nel cloud, i team di sviluppo delle applicazioni possono eseguire il provisioning dell’infrastruttura da soli (self-service), senza la necessità di aumentare i ticket. Pertanto, l’efficacia viene misurata monitorando quanti processi sono automatizzati e se è stata introdotta l’abilitazione self-service. Ecco alcune best practice da considerare quando si monitora l’efficacia dell’adozione del cloud.

Selezionare i KPI giusti

La misurazione è un aspetto fondamentale della buona gestione: se utilizzati in combinazione con un’efficace pianificazione strategica, i KPI giusti sono fondamentali per capire come le organizzazioni possano raggiungere i propri obiettivi strategici e come implementare correzioni in corso d’opera. I KPI sono “indicatori” di “performance nel tempo” che permettono di raggiungere gli obiettivi di business “chiave”, non quello finale. C’è una differenza tra misurare il progresso e misurare i risultati. Ad esempio, il numero di visitatori del sito o il numero di download di app non è un KPI in quanto non determina le prestazioni.

Nurani Parasuraman aws
Nurani Parasuraman

Comprendere il motivo per cui adottare il cloud

Gli unici KPI in grado di determinare il successo nell’adozione del cloud sono quelli che verificano il raggiungimento degli scopi prefissati: i risparmi sui costi sono spesso l’indicatore iniziale per valutare il cloud, ma metriche come il valore dei clienti, l’agilità aziendale, l’operatività e la produttività del personale sono i vantaggi più interessanti dell’adozione del cloud. Gli obiettivi e i risultati chiave (OKR), ad esempio, sono un efficace strumento di definizione degli obiettivi e di leadership per comunicare ciò che si desidera realizzare e quali pietre miliari è necessario raggiungere per realizzarli. Gli obiettivi possono essere trasformati in risultati desiderabili e quantificabili, che poi si traducono in progetti, team e risultati individuali, i cui progressi nel tempo possono essere misurati attraverso i KPI. Ad esempio, se migliorare la qualità del prodotto è un obiettivo, avere zero difetti è un risultato desiderabile e quantificabile e il KPI di riferimento è il tasso di difetti.

Come allinearsi?

Per quanto una leadership determinata sia fondamentale per un’adozione rapida e trasformativa del cloud, la creazione di un consenso sugli obiettivi, sui risultati quantificabili e sul modo in cui i KPI sono definiti e misurati è altrettanto importante ai fini del successo. Infatti, molte iniziative di trasformazione falliscono per questo motivo. Ad esempio, quando più applicazioni interagiscono con un servizio comune centralizzato (ad es. il sistema di database centrale del cliente), i proprietari delle applicazioni che utilizzano il servizio comune possono affermare che qualsiasi tempo di inattività, non dovrebbe essere imputato alle loro applicazioni. Chiarire in anticipo come gli incidenti saranno attribuiti e misurati è necessario per evitare confusione in seguito.

Obiettivi ambiziosi abilitati dalle funzionalità cloud

Quando si fissano gli obiettivi è naturale adottare un approccio conservatore. Ma, per migliorare i processi aziendali sarebbe più adeguato fissare obiettivi ambiziosi, ma comunque raggiungibili.  Sono finiti i giorni in cui gli aggiornamenti dell’infrastruttura devono essere programmati con diversi anni di anticipo, con un buffer per le contingenze e con un’architettura “a prova di futuro”. Nel cloud, l’infrastruttura può crescere o ridursi automaticamente per adattarsi alle mutevoli esigenze di un’organizzazione.

La misurazione del valore aziendale non passa solo da metriche tecnologiche

Chiedere al CFO o al CEO di dare priorità agli investimenti per ridurre il debito tecnico o per modernizzare la tecnologia spesso non porta i risultati desiderati, comportando un aumento dei rischi, una mancanza di agilità e maggiori costi per il futuro lavoro dell’IT . L’attenzione deve passare dalle metriche basate sui processi alle metriche basate sui risultati. Ad esempio, misurare l’impatto sul business (transazioni con clienti fallite o impatto sui ricavi di guasti o ore perse dai dipendenti) a causa dell’indisponibilità del sistema, è molto più importante che misurare solo le ore di uptime o downtime.

Ripensare le metriche legacy nel cloud.

L’adozione una tecnologia nuova richiede nuove modalità per misurare il progresso. Ad esempio, un obiettivo di “zero storage growth rate” per contenere i costi può essere considerato un obiettivo chiave in un ambiente on-premise, ma sul cloud, si paga in base a quello che si usa. Sarebbe, infatti, più adatto per tenere traccia dei dati a cui si accede di frequente, individuando quali possono essere archiviati per ottimizzare i costi. Nel modello legacy, la stabilità del sistema, ad esempio, viene tipicamente misurata reattivamente, tracciando gli hashtag relativi a degli incidenti dopo che sono venuti alla luce. Nel cloud, questo meccanismo è invertito: con gli strumenti avanzati di monitoraggio e strumentazione del cloud, l’attenzione si sposta su quanti incidenti sono stati “prevenuti in modo proattivo”, guidando il giusto comportamento tra i team.

Misurare le attività che guidano le prestazioni e non solo la produzione

Buoni KPI misurano il progresso verso gli obiettivi di business, ma quando una misura viene utilizzata come indicatore delle prestazioni perde di validità. Come dice la legge di Goodhart, che prende il nome dall’economista britannico Charles Goodhart, “quando una misura diventa un obiettivo, cessa di essere una buona misura”. Gli esempi includono il declassamento della gravità dei difetti per soddisfare gli obiettivi di affidabilità del sistema o rappresentanti del servizio che evitano di prendere casi complicati a causa dell’impatto sui loro obiettivi di produttività. Se un’agenzia di assunzioni, per esempio, valutasse l’efficacia dei suoi dipendenti e li incentivasse solo dal numero di interviste che conducono, incoraggerebbe il dipendente a correre attraverso le riunioni senza davvero aiutare i clienti a trovare un lavoro, mettendo in secondo piano l’obiettivo di business – che è trovare posti di lavoro per i propri clienti.

Scegliere le misure rilevanti, attuabili e considerare l’importanza del baselining.

La sfida di oggi non è quella di trovare più KPI, ma piuttosto di scegliere quelli più rilevanti e preziosi per l’azienda. Molto spesso, un singolo KPI non fornisce la storia completa sulle prestazioni. Ad esempio, se l’obiettivo è quello di migliorare la disponibilità del sistema, il solo monitoraggio delle ore di uptime non è sufficiente. Sarà necessario misurare il numero di volte in cui il sistema va offline. I KPI non devono essere perfetti per iniziare e non devono essere onnicomprensivi. Una buona strategia è iniziare dal piccolo, impostando KPI che sono collegati agli obiettivi più importanti e poi perfezionarli, espandendoli nel tempo. I KPI devono essere utilizzabili e non devono essere metriche di “vanità”. Infine, la misurazione dei progressi richiede una baseline che mostri l’attuale livello di prestazioni. Senza questo quadro di riferimento, misurare i progressi è inutile.

Sfruttare le funzionalità cloud per automatizzare la raccolta dei dati e creare dashboard

Il monitoraggio dell’adozione del cloud richiede un approccio basato sui dati. Il cloud è fornito di strumenti, automazioni e dashboard che raccolgono i dati sulle prestazioni. Tutto ciò, in un mondo on-premise, richiederebbe investimenti significativi. Oltre alla facilità di raccolta dei dati, il cloud fornisce strumenti per creare insight che possono essere utilizzati per misurare e sostenere le prestazioni.

Leggi tutti i nostri articoli sul cloud

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php