Blockchain contro le truffe delle auto usate

La tecnologia blockchain può essere utile anche alla case automobilistiche. In questo caso ciò che la rende interessante è la possibilità di memorizzare qualsiasi tipo di informazione in un registro decentralizzato e inalterabile: una volta che un'informazione viene inserita, è teoricamente impossibile tornare indietro e cancellarla o modificarla.

Un potente punto di forza per quanto riguarda l’area della manutenzione dei veicoli. Per questo Psa e Renault stanno cercando di sviluppare un libro di manutenzione digitale e decentralizzato, che dovrebbe rendere impossibile le frodi. "Questo può interessare fino al 30% dei veicoli nel mercato dell'usato", spiega Thomas Heno, responsabile dell’innovazione di Psa.

Nel migliore dei casi, ad alcuni veicoli viene abbassato il chilometraggio per renderli meno usurati e più costosi. Nel peggiore dei casi, i relitti che non possono più funzionare vengono riciclati e rimessi sul mercato, mettendo in serio pericolo i loro acquirenti.

Blockchain per dare valore aggiunto

Per Jean-Christophe Labarre, direttore innovazione e partnership di Rci Bank and Services, che per Renault si occupa dello sviluppo di blockchain con Microsoft e Viseo, non mancano i motivi per sbarazzarsi del vecchio diario di manutenzione. "Si tratta di uno strumento molto manuale, cartaceo, non sicuro e falsificabile. Nel mercato dell'usato, quando i terzi non si conoscono, c'è mancanza di fiducia". Renault ha sviluppato in pochi mesi il libro di manutenzione digitale decentralizzato. La prima versione è stata consegnata in luglio. Permette al proprietario di un garage di registrare eventi di gestione del veicolo come la sostituzione dei pezzi di ricambio, un'altra fonte di frode, e il chilometraggio del veicolo.

blockchain Psa ha sviluppato un progetto simile con La Poste e il gruppo assicurativo Covea. Il chilometraggio dei veicoli Psa collegati viene trasmesso automaticamente alla blockchain a intervalli regolari. In caso di incidente è possibile consultare la storia di manutenzione e incaricare un meccanico di Psa o un'officina indipendente, che può accedere ai dati per un periodo di tempo limitato.

Se un veicolo viene distrutto, l'operatore incaricato dell’operazione lo scrive sulla blockchain, il che rende possibile creare una sorta di lista nera dei relitti, impedendo così che vengano rimessi sul mercato. Docapost, una controllata de La Poste, archivia le fatture di manutenzione e ne assicura il valore legale. "I nodi Psa, Covéa e La Poste sulla blockchain sono collegati ad Api o servizi web. Gli utenti possono quindi eseguire tutte le operazioni su Internet senza avere accesso diretto a blockchain", afferma Elyes Ben Hamida, project manager di Irt System X.

Per entrambi i costruttori, l'interesse è di generare valore aggiunto ai loro veicoli sul mercato dell'usato. Se fossero generalizzati, i loro sistemi permetterebbero al proprietario di un veicolo di accedere al suo registro di manutenzione digitale tramite un'applicazione.

Ciò potrebbe dimostrare a un potenziale acquirente che la storia del chilometraggio e della manutenzione della sua auto è autentica, e quindi trasferire la proprietà del giornale di bordo all'acquirente in caso di vendita. “Ma sarebbe possibile andare molto oltre organizzando tutte le transazioni dell'ecosistema automobilistico tramite blockchain", anticipa Thomas Heno.

I garage indipendenti, per esempio, possono acquistare le nostre apparecchiature Diagbox per diagnosticare i nostri veicoli, ma è abbastanza costoso per un piccolo proprietario di garage. Pertanto commercializziamo servizi software che ci permettono di eseguire queste operazioni con hardware generico per un determinato periodo di tempo. Potremmo organizzare questo tipo di micro-pagamento di micro-servizi sulla blockchain.

Prima di arrivare a destinazione, occorrerà superare una serie di ostacoli. In primo luogo, questi sistemi non possono raggiungere il loro pieno potenziale senza un uso diffuso dei veicoli collegati: con un'auto tradizionale, è sempre possibile frodare il chilometraggio attraverso la corruzione del proprietario di un garage per inserire informazioni errate nella catena a catena. Ciò è più difficile quando il veicolo collegato invia i dati direttamente.

Le imprese dovranno inoltre ottenere il consenso dei conducenti e rendere anonimi alcuni dati, in quanto informazioni quali il numero di identificazione del veicolo e il chilometraggio sono considerati dati personali. Sarà quindi necessario convincere gli utenti ad accettare questi processi, che possono sembrare invadenti attraverso incentivi finanziari. Lasciando che l'assicuratore acceda ai propri dati, ad esempio, il conducente potrebbe pagare meno o essere compensato meglio quando il veicolo viene distrutto, perché può dimostrare che è stato sottoposto a corretta manutenzione.

Sarà anche necessario federare l'ecosistema (produttori, garage, assicuratori, demolitori) sulla stessa piattaforma, perché sarebbe ingestibile per tutti questi attori interagire con una blockchain diversa per ogni marca di auto. Renault è in discussione con Psa per partecipare al progetto di ricerca dell'Irt System X. Il primo link in un grande blockbuster dell' automobile?

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here