Battuta d’arresto per Hp

Dopo aver portato a termine il tanto sospirato merger con Compaq la società guidata da Carly Fiorina ha chiuso il secondo trimestre del nuovo anno fiscale con fatturato e vendite inferiori rispetto alle aspettative degli analisti di mercato

Secondo trimestre deludente per Hp. Concluso il
merger con Compaq, la società guidata da Carly Fiorina avrebbe riportato un
fatturato pari a 10,6 miliardi di dollari, il 9% in meno rispetto agli 11,7
registrati nel medesimo periodo dell'esercizio precedente e agli 11,1 miliardi
previsti da Wall Street. 498 milioni, o 25 centesimi per azione, i guadagni
pro-forma riportati nel trimestre terminato lo scorso 31 aprile, in linea con le
aspettative degli analisti di mercato, e superiori ai 336 milioni, o 17
centesimi per azione, di un anno fa. A quanto pare, gli sforzi compiuti per il
merger più chiacchierato della storia dell'It, e la strenua opposizione di
Walter Hewlett all'accordo non avrebbero giovato alla società, il cui mercato di
riferimento sembra destinato a permanere in un momento difficile. Tanto che il
Ceo avverte, la ripresa potrebbe slittare rispetto alla prevista seconda parte
di quest'anno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome