Aziende e social media, quali sono gli errori più comuni

Oltre il 90% delle medie e grandi imprese utilizza i social media nel marketing da almeno cinque anni. Tuttavia, un'indagine di Cmo rivela che quasi la metà dei marketer non è in grado di dimostrare l'impatto dei loro investimenti sui social media.

Ecco perché, indipendentemente da quale sia la strategia di social media, è sempre una buona idea tornare indietro e assicurarsi di avere le basi coperte. Perché le aziende potrebbero scoprire di avere bisogno di un approccio strategico.

Philip Kotler una volta disse: "Non dovresti mai andare in battaglia prima di aver vinto la guerra sulla carta". Ma innumerevoli imprese hanno fatto proprio questo con i social media. Anche se il 97% delle aziende Fortune 500 sono su LinkedIn, l'84% su Facebook e l'86% su Twitter, molti marchi sono entrati in prima linea sui social media senza una strategia chiara.

Social era un'aggiunta ai piani esistenti, un altro punto vendita per trasmettere il messaggio di marketing. In seguito, i marketer si sono trovati a lavorare all'indietro per collegare la loro strategia sociale alla strategia aziendale, in quanto i manager richiedevano maggiori prove di Roi.

Non solo social media

Ci sono alcuni errori comuni che i marketer commettono con i social media. Il primo è iniziare con gli obiettivi dei social media. I venditori prendono un canale come Facebook, Twitter o LinkedIn, e poi fissano obiettivi per aumentare il loro numero di simpatizzanti, commenti e condivisioni.

Questo approccio sembra sensato, ma può intrappolae in una prospettiva di soli social media. Dopotutto, quanto vale la pena per il tuo business? A meno che non colleghiate le vostre azioni sui social media a obiettivi aziendali più ampi fin dall'inizio, il Roi può essere inafferrabile e i social media diventano fini a se stessi.

Il secondo errore è quello di limitare la presenza del brand ai canali social media più popolari. Il successo dipende spesso dal fatto di avere una strategia multicanale per i social media. Eppure solo due terzi dei 500 Fortune (66%) utilizzano YouTube, sotto la metà sono su Instagram (45%), poco più di un terzo (36%) hanno blog aziendali, e un terzo (33%) sono su Pinterest. Se non utilizzate queste o altre piattaforme, potreste perdere preziose opportunità di business.

La ricerca ha rivelato che il 93% degli utenti di Pinterest ha pianificato acquisti sulla piattaforma e l'87% ha effettuato un acquisto dopo aver visto un prodotto che gli piaceva. Altre piattaforme, come Snapchat, possono essere il luogo ideale per raggiungere determinate demografie (diciamo, Millennials). Instagram ha svolto un ruolo fondamentale nel contribuire ad aumentare le vendite di marchi come Gatorade. E le imprese che hanno dato priorità al blog sono 13 volte più propense a ricevere un Roi positivo.

Quindi, come potete garantire che i vostri sforzi sui social media siano allineati con ciò che conta per la vostra azienda e che contribuite positivamente al risultato economico? Iniziate basando la vostra strategia sociale su obiettivi di business, poi seguitela pensando al mercato di destinazione, alle piattaforme, agli strumenti e alle metriche dei social media.

Obiettivi organizzativi e mercati di destinazione diversi possono richiedere canali e strumenti molto diversi. Non è sufficiente fissare obiettivi per le metriche di follower o di coinvolgimento più elevate negli attuali account social media del marchio. Queste piattaforme potrebbero essere sbagliate per i vostri obiettivi aziendali; i canali su cui non siete attivi possono essere migliori per quello che state cercando di realizzare.

Quali sono gli obiettivi aziendali

Per identificare gli obiettivi aziendali più significativi, ponetevi alcune domande: Quali numeri dovete ottenere? Come saprete di avere avuto successo? Gli obiettivi di business possono variare molto, dall' aumentare le vendite, generare lead, o migliorare la soddisfazione del cliente, alla sensibilizzazione, sollecitare donazioni, o guadagnare volontari.

Così gli obiettivi non dovrebbero essere focalizzati sui social media, come ad esempio "Entro sei mesi, dovremmo aumentare il nostro numero di fan e aumentare l'impegno su Facebook pubblicando un minimo di cinque volte a settimana". Questa è una tattica, non un obiettivo chiaro. Un buon obiettivo potrebbe essere "Aumentare la consapevolezza del marchio del 20% per le persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni entro sei mesi". Hootsuite suggerisce che i veri obiettivi di business spesso provengono da conversioni di business, brand awareness e customer experience.

Aumentare l’attività sulle piattaforme attuali potrebbe non avvicinarvi al raggiungimento degli obiettivi di business. Per ottenere un Roi migliore può essere necessario chiudere gli account social non allineati con gli obiettivi aziendali, o addirittura diminuire l'azione social per concentrarsi su mezzi di maggiore rilevanza.

Una volta identificati gli obiettivi e selezionate le piattaforme giuste, dovete creare contenuti che il pubblico apprezzerà. Risolvere un problema che stanno affrontando, inviare un messaggio tempestivo, o semplicemente mettere un sorriso. Storie che evocano emozione tendono ad ottenere risultati migliori dei semplici messaggi di vendita. Il contenuto deve essere abbastanza coinvolgente da disegnare un'azione al di là di una visione. Inoltre, i contenuti preziosi vengono spesso condivisi, aumentando ulteriormente la portata. E non è sufficiente pubblicare lo stesso contenuto in tutti i tuoi account sociali: personalizzare il contenuto e la programmazione per ogni canale otterrà risultati migliori.

Gran parte del Roi dei social media è guadagnato nel rispondere ai clienti. Sprout Social ha scoperto che i marchi rispondono solo a uno su 10 messaggi social che richiedono una risposta. Si tratta di un'enorme opportunità persa, in quanto risposte utili anche a commenti negativi possono migliorare l'immagine del marchio, raggiungere nuovi clienti e aumentare la probabilità che i clienti acquistino di nuovo. A seconda del settore, potrebbe essere necessario coinvolgere il servizio clienti. Il social è un mezzo bidirezionale.

In seguito, assicuratevi di disporre degli strumenti giusti per gestire i vostri sforzi sui social media. Per misurare il successo, i marchi hanno bisogno di strumenti in grado di monitorare, pubblicare e tenere traccia dell'analisi appropriata. Hanno anche bisogno di integrare i social media tra i reparti, dal momento che è una parte sempre più importante delle strategie di molte aree del business. Per garantire efficienza, potrebbe essere necessario disporre di strumenti in grado di riunire team sociali multidisciplinari all'interno di diversi reparti.

Una volta installati gli strumenti giusti, identificare e monitorare le metriche che mostreranno i ritorni sul vostro investimento sui social media. Solo quando avete fatto il lavoro in anticipo - connettere l'azione sociale agli obiettivi di business - le metriche di vanità come i follower diventano più significative. Ovviamente, non è possibile collegare direttamente ogni azione social a un obiettivo di business, come la vendita in negozio. Ma è possibile avvicinarsi stimando i valori. Ad esempio, se si sa che una percentuale di clienti che richiedono informazioni sul proprio sito web acquistano un determinato prodotto, è possibile tracciare le connessioni guardando i relativi post sui social media e il numero di visitatori spinti a quella pagina chiamata in azione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here