Home Apple Apple Wwdc: con iPadOS 15 il tablet sarà più multitasking

Apple Wwdc: con iPadOS 15 il tablet sarà più multitasking

In occasione della Wwdc 2021, insieme al nuovo software di sistema di iPhone, iOS 15, Apple ha presentato in anteprima anche iPadOS 15, con nuove funzioni che aumentano ulteriormente le capacità di iPad soprattutto nell’ambito del multitasking e della produttività.

E, come avviene per iOS e macOS, anche nel caso di iPadOS 15 la release di preview è già disponibile per gli sviluppatori iscritti all’Apple Developer Program, mentre la versione beta pubblica sarà disponibile dal prossimo mese.

Le nuove funzioni di iPadOS 15 saranno poi disponibili in autunno come aggiornamento software gratuito per i seguenti modelli del tablet di Apple: iPad mini 4 e successivi, iPad Air 2 e successivi, iPad (quinta generazione e successive) e iPad Pro (tutti i modelli).

Ma vediamo quali sono, queste nuove funzioni. Ricordando che, chiaramente, molte delle ultime funzionalità introdotte in iOS 15 saranno disponibili anche nella nuova versione di iPadOS.

Una caratteristica peculiare di iPad è però il sistema multitasking, che Apple ha ulteriormente potenziato.

iPadOS 15

In iPadOS 15, infatti, lavorare contemporaneamente con più app diventa ancora più semplice.

Su ogni app è presente, in alto nella schermata, il menu del multitasking, che permette di selezionare Split View o Slide Over con un tap.

Ora, inoltre, quando l’utente usa la modalità Split View, può passare rapidamente alla schermata Home per accedere ancora più facilmente all’app che desidera usare.

Utilizzando il nuovo elenco finestre è anche possibile lavorare in multitasking con app che hanno più finestre aperte, come Safari e Pages, e visualizzare rapidamente un’anteprima delle email.

Collegando una tastiera esterna si può fare ancora di più grazie alle nuove scorciatoie e a una barra dei menu ridisegnata.

Utilizzando le nuove scorciatoie per il multitasking direttamente dalla tastiera, l’utente può impostare e alternare velocemente le modalità Split View e Slide Over.

Anche la schermata Home di iPad subisce alcuni ritocchi atti a migliorare la produttività.

iPadOS 15

Con iPadOS 15 è possibile inserire widget fra le app della schermata Home per vedere a colpo d’occhio un maggior numero di informazioni e creare un’esperienza ancora più personalizzata.

La nuova e più ampia dimensione dei widget, studiata appositamente per il display più grande di iPad, è perfetta per visualizzare contenuti come video, musica, giochi, foto e altro. Con iPadOS 15 arrivano anche nuovi widget per App Store, Dov’è, Game Center, Mail e Contatti.

Arriva su iPad anche la Libreria app, che era già presente su iPhone e che organizza automaticamente le app in pratiche categorie, come produttività, giochi e aggiunti di recente, e permette all’utente di accedere a tutte le proprie app direttamente dal Dock (una opzione inedita che debutta su iPadOS 15).

Un’app piccola ma molto utile che è stata potenziata su tutte le piattaforme Apple è Note. Ora l’app Note viene resa disponibile a livello di sistema con la funzione Note rapide, un modo facile e veloce di prendere appunti ovunque, ad esempio mentre si naviga sul web con Safari.

iPadOS 15

Note offre anche nuovi modi per organizzare, collaborare e registrare le informazioni. I tag permettono di assegnare categorie alle note per ritrovarle facilmente all’interno del nuovo Tag Browser e del sistema di cartelle smart.

La funzione Menzioni è utile per chi lavora a progetti con altre persone con note condivise. Permette di notificare le persone che collaborano associandole a una nota specifica e di vedere tutti gli aggiornamenti recenti dalla vista delle attività.

Abbiamo già visto in relazione agli altri aggiornamenti software che Apple ha presentato alla Wwdc le novità di FaceTime, la nuova funzione SharePlay, l’esperienza di navigazione web rinnovata con Safari e lo strumento Focus utile per concentrarsi su specifiche attività.

Molte di queste funzioni assumono, rispetto a iOS, un impatto ancora maggiore sul display più ampio di iPad; e spesso sono disponibili con caratteristiche simili (e con possibilità di sincronizzazione) anche sul Mac.

C’è anche su iPad la funzione Live Text, basata sull’intelligenza sul dispositivo. Un’altra novità è che, con iPadOS 15, l’app Traduci arriva su iPad portando con sé nuove funzioni per comunicare in modo ancora più semplice e naturale.

iPadOS 15

Quando si usa l’app Traduci, la funzione Traduci in automatico rileva quando qualcuno sta parlando e in quale lingua, così l’utente può parlare naturalmente, senza dover selezionare il pulsante del microfono.

Per conversazioni ancora più personali, la vista faccia a faccia permette a due persone sedute una di fronte all’altra con un iPad davanti di vedere la traduzione della conversazione del rispettivo interlocutore.

Il testo può essere tradotto in qualunque punto di iPad e anche se scritto a mano: basta selezionarlo e poi fare tap su Traduci. In combinazione con Live Text, è possibile tradurre anche il testo integrato nelle immagini.

iPadOS 15

Peculiare di iPad è anche Swift Playgrounds, un modo facile ed efficace per imparare a scrivere codice. E con Swift Playgrounds 4, che sarà disponibile entro la fine dell’anno, l’utente avrà a disposizione gli strumenti necessari per sviluppare app per iPhone e iPad sul proprio dispositivo e inviarle direttamente all’App Store.

Mentre si sviluppano le app, il codice appare immediatamente nell’anteprima live, così l’utente può eseguire le app a schermo intero per provarle.

Un nuovo formato di progetto aperto basato sui pacchetti Swift può essere aperto e modificato con Swift Playgrounds per iPad e con Xcode su Mac, offrendo all’utente una maggiore versatilità per sviluppare in modo flessibile app sia su iPad che su Mac.

iPadOS 15

Riguardo all’integrazione tra iPad e Mac, abbiamo già parlato anche del controllo universale. Grazie a questa funzione si può passare da iPad a Mac usando un solo mouse e un’unica tastiera: l’esperienza è fluida e non richiede alcuna configurazione. L’utente può anche trascinare i contenuti da un dispositivo all’altro.

Ci sono poi: l’app Mappe che offre nuovi modi di navigare ed esplorare il mondo; Foto, con la funzione Ricordi aggiornata e integrazione con Apple Music basata sull’intelligenza sul dispositivo; riconoscimento vocale on-device di Siri e altro ancora.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php