Apple aggiorna le gamme iBook e PowerBook

Per rendere più competitivi questi portatili, la società li fornirà di hard disk più capienti, aumenterà la memoria Ram e adotterà processori più veloci. Nessun cambiamento è invece previsto nel design.

Apple si sta preparando a presentare la sua
collezione autunnale di notebook. I nuovi modelli andranno a inserirsi sia
all'interno dell'offerta consumer costituita dagli iBook sia nella proposta
professionale dei PowerBook G4 Titanium. Da fonti vicine alla società,
l'operazione di rinnovo non dovrebbe riguardare l'aspetto estetico dei notebook,
bensì la dotazione, intesa come ammontare di memoria Ram, velocità del
processore, capacità dell'hard disk e via dicendo.


Alcune di queste modifiche potrebbero avere
un'importanza basilare per gli iBook che potrebbero essere trasformati
radicalmente dal punto di vista dell'hardware. Però questa, dicono alcuni
analisti, potrebbe rivelarsi una scelta non vincente. Infatti, gli iBook sono i
prodotti più venduti da Apple: un vero successo. Perciò pensare di modificarne
la struttura ora che le cose vanno tanto bene potrebbe avere dei risvolti
negativi.


Il costruttore sostiene invece che un cambiamento
si rende necessario per consentire ai notebook di mantenere un alto livello di
competitività. D'altra parte, il grande rilievo dato alla presenza di una porta
Firewire per la connessione con videocamere digitali perde parzialmente di
significato se poi a bordo del computer si trova un hard disk da soli 10 GB. Per
questo motivo i nuovi iBook dovrebbero ospitare dischi rigidi con capacità fino
a 20 GB, a cui si dovrebbero aggiungere anche 128 MB di Ram.

Dal lato processore si dovrebbero toccare frequenze
di 600 MHz, mentre il drive Dvd dovrebbe prendere il posto del lettore di Cd-Rom
quasi su ogni modello. Rimarranno comunque distinti gli iBook che impiegano
drive Dvd, Cd-Rw e combo Cd-Rw/Dvd. Il prezzo del modello entry level si
dovrebbe aggirare sui 1.300 dollari.


Del tutto differente è il discorso che riguarda i
PowerBook. Questi portatili non sembrano proprio godere dello stesso consenso
riscosso dagli iBook e quindi un cambiamento di alcune caratteristiche hardware
non può che essere il benvenuto se è in grado di ravvivare la
richiesta.


Largo allora al nuovo chip grafico Ati, ad hard
disk con capacità più elevata e a processori più veloci (si dovrebbe arrivare
sino a 667 MHz). Come è lecito aspettarsi, sono attesi anche PowerBook dotati di
masterizzatore Cd-Rw e, opzionalmente, di combo drive
Cd-Rw/Dvd.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome