Adobe Sign Microsoft SharePoint

L’integrazione tra le tecnologie Adobe e Microsoft sta diventando sempre più stretta negli ultimi tempi, in particolare modo per quel che riguarda la firma elettronica con Adobe Sign.

Abbiamo visto come le due società abbiano di recente annunciato un’integrazione ancora più profonda della soluzione di firma elettronica Adobe con Microsoft Office 365, Dynamics 365 e Azure.

L’integrazione tra Adobe Sign a Microsoft SharePoint consente di lavorare in modo più smart, sicuro ed efficiente, con workflow sui documenti resi più semplici e rapidi, quando questi vengono aggiunti a SharePoint. 

Adobe Sign Microsoft SharePoint

Le due soluzioni dei due colossi (principalmente) del software rendono più efficiente il lavoro in molti modi. Innanzitutto, aggiungendo potenti opzioni di firma elettronica a qualsiasi documento senza uscire da SharePoint. Poi: mediante il tracking dello stato di qualsiasi documento inviato per la firma e l’approvazione, grazie alla possibilità di utilizzo del workflow di SharePoint per automatizzare il routing di approvazione, e tanto altro.

Ora, arriva uno strumento in più nell’integrazione tra Adobe Sign a Microsoft SharePoint, con i moduli web di Adobe Sign. Quest’ultimo aggiornamento consente ai clienti di creare e incorporare moduli digitali riutilizzabili che possono essere compilati e firmati indefinitamente. Queste caratteristiche rendono i form adatti, ad esempio, per la raccolta di informazioni e di accordi da un gran numero di persone, internamente o esternamente all’azienda.

Adobe Sign Microsoft SharePoint

Gli URL dei moduli web possono essere condivisi in qualsiasi modo, anche tramite messaggi di testo, in quanto non richiedono al destinatario l'accesso alla posta elettronica o un account Adobe: ciò significa che le aziende hanno la possibilità di raccogliere dati anche da nuovi utenti.

I web form completati vengono salvati come PDF e archiviati in SharePoint, informa ancora Adobe. I campi del modulo possono essere associati individualmente al nome di una colonna di un elenco di SharePoint, in modo che i dati raccolti possano essere ricercati o elaborati ulteriormente.

Adobe Sign Microsoft SharePoint

Integrandosi con Microsoft Power Automate, è anche possibile mappare campi specifici come trigger di azioni. Inoltre, Adobe Sensei, l’intelligenza artificiale della società di San Jose, può trasformare qualsiasi documento in un form digitale, rilevando in modo automatico i campi del modulo sulla pagina.

Nella visione delle due aziende, questa ulteriore integrazione tra Adobe Sign e Microsoft SharePoint può avere un impatto positivo importante per le attività delle aziende. I casi di utilizzo possono essere i più diversi: moduli aziendali da far compilare ai dipendenti, richieste di rimborsi, acquisizione delle informazioni dei clienti, registrazioni di nuovi account e tanti altri.

Adobe ha predisposto una pagina web di approfondimento sulle funzionalità di integrazione tra Adobe Sign (e non solo, anche in generale la Document Cloud) e Microsoft SharePoint.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome