Nel festeggiare i suoi trent'anni (la versione 1.0 esordì nel 1990), il software principe del fotoritocco Adobe Photoshop riceve un aggiornamento con interessanti nuove funzioni, sia nell’edizione desktop che per iPad.

Una storia gloriosa alle spalle e un presente altrettanto importante, in base ai dati offerti da Adobe per l’occasione: dal MAX 2019, l’applicazione per l’elaborazione delle immagini ha conteggiato più di un milione di download, oltre la metà delle recensioni con cinque stelle e ben 2,8 documenti creati sul cloud.

Per quanto riguarda le novità dell’ultimo aggiornamento di febbraio, esse riguardano sia la versione desktop che quella per iPad, disponibile già da alcuni mesi.

Adobe Photoshop

Per quanto riguarda la funzione desktop, la prima novità riguarda i miglioramenti all’area di lavoro del Riempimento in base al contenuto (Content-Aware Fill). 

È ora possibile eseguire selezioni multiple e applicare riempimenti e rifiniture multiple, iterando l’operazione e confermando quando si considera pronto il lavoro: un aggiornamento teso a migliorare il workflow, a ridurre i clic e a offrire all’utente un maggiore controllo e una maggiore velocità operativa, con la possibilità di scomporre la regione di riempimento in sotto-parti.

Adobe Photoshop

Un altro miglioramento dell’aggiornamento di febbraio riguarda il filtro Sfocatura con lente (Lens Blur). Adobe ha incrementato sia la qualità che la performance della Sfocatura con lente e ha abilitato l’utilizzo della scheda grafica del computer (GPU). Questi miglioramenti accrescono il realismo e la nitidezza, rendendo ancora più espressivo l’effetto bokeh.

Le prestazioni hanno ricevuto un incremento generale, informa Adobe, con un’esperienza d’uso più fluida e reattiva in alcune operazioni quali il panning e lo zoom, o lo spostamento nel canvas in documenti molto grandi con lo strumento Mano.

Anche Photoshop per iPad, come era stato promesso da Adobe, è stato migliorato con nuove funzionalità.

In primo luogo, vengono potenziate le capacità di selezione sul tablet grazie allo strumento Object Selection (Selezione oggetto), che deriva dalla stessa tecnologia impiegata anche nell’edizione desktop del software.

In entrambi i casi, Photoshop seleziona automaticamente un oggetto grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale di Adobe, Sensei, e ad algoritmi basati sul machine learning

Il tool Object Selection velocizza il flusso di lavoro nelle selezioni, un passaggio di grande importanza in qualsiasi workflow di elaborazione di grafica o foto, e, al contempo, offre anche un maggiore controllo sul processo, soprattutto nel caso di immagini raffiguranti scene complesse.

Lo strumento consente di disegnare un rettangolo, o a mano libera con il lazo, attorno all’area della selezione desiderata, e la tecnologia si occupa di individuare e selezionare automaticamente gli oggetti principali all’interno dell’area.

In Photoshop per iPad arrivano ora anche molti dei controlli tipografici presenti nella versione desktop del software, tra cui tracking, leading, formattazione di maiuscole/minuscole e altri. Adobe ha inoltre anticipato che il kerning arriverà con una futura release.

Maggiori informazioni su Photoshop sono disponibili sul sito Adobe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome