MWC2014, Ruckus: il wifi sarà sempre più intelligente

La società vara un servizio location based su cloud, per carrier e aziende. Ne parliamo con il Managing director italiano di Ruckus Wireless, Michele Paparella.

Ruckus Wireless lancia oggi e presenterà al Mobile World Congress di Barcellona, Smart Positioning Technology (SPoT), un servizio location-based (Lbs) intelligente basato su cloud che offre a carrier e aziende la capacità di fornire servizi a valore aggiunto sulle reti Smart Wi-Fi.

Il senso della soluzione è che avendo a disposizione dati che indicano dove si trovano i client, le aziende sono in grado di indirizzare questi ultimi a seconda delle loro precise esigenze, ottimizzando le performance di rete.
E gli operatori di rete possono fornire contenuti rilevanti di localizzazione per gli utenti in base alla loro vicinanza ai luoghi di interesse, includendo anche avvisi tempestivi di offerte, anche relativi alla protezione e alla sicurezza.

Ne abbiamo parlato con Michele Paparella, Managing Director di Ruckus Wireless in Italia.

D: Come Ruckus intende sviluppare il mercato dei servizi location based?

P: Il mercato dei Location Based Service, ovvero dei nuovi paradigmi di offerta legati alla localizzazione dell’utente, è un settore che sta rapidamente evolvendo da nicchia a mercato di massa e si crediamo che nei prossimi anni registrerà un sostanziale incremento.
Per questo rappresenta certamente un settore critico per i carrier da considerare, per cui dovranno dotarsi di strumenti ad hoc, e un driver competitivo per i provider come Ruckus Wireless che da sempre lavorano per fornire soluzioni e servizi sempre più affidabili.
All’interno di questo contesto il Wi-Fi rappresenta una delle tecnologie chiave che si sta imponendo maggiormente per le applicazioni di tipo location-based.

Per rispondere alle esigenze di questo mercato, Ruckus ha appena lanciato una soluzione unica nel suo genere per il mercato Lbs: Smart Positioning Technology (SPoT), il primo servizio location based basato interamente su cloud.

D: Cos'ha di innovativo la soluzione SPoT?

P: A differenza delle altre soluzioni location-based presenti sul mercato, SPoT è completamente basato su cloud, e assicura una maggiore precisione e prestazioni all’avanguardia con costi decisamente contenuti.
Inoltre non è una tecnologia proprietaria, perciò offre anche Api per sviluppatori terzi.
Grazie all’algoritmo di posizionamento indoor proprietario, inoltre, gli access point Smart Wi-Fi di Ruckus sono in grado di effettuare un posizionamento preciso del client anche in ambienti indoor ad alta densità dove il Gps di solito non funziona.

D: A quali aziende, di quali settori è indirizzata?

P: La soluzione SPoT si rivolge al target dei service provider e delle aziende di qualunque mercato verticale, da quello alberghiero all’ospedaliero, dalla scuola ai luoghi pubblici.
All'interno degli ambienti retail, i rivenditori possono utilizzare SPoT per determinare rapidamente il rapporto tra i nuovi e i vecchi visitatori, misurare i tempi di sosta e analizzare i modelli di acquisto, utilizzando sia i dati storici che quelli in tempo reale; per il settore dell’hospitality, Ruckus SPoT può essere utilizzato all’interno di programmi di fidelizzazione già esistenti per migliorare la soddisfazione dei clienti degli hotel perfezionando i tempi di erogazione dei servizi basati sulle specifiche esigenze degli ospiti; nel modo dell’healthcare, Ruckus SPoT fornisce una miriade di benefici mission-critical alle strutture di terapia intensiva, come la navigazione tramite un'applicazione che consente ai dipendenti e ai visitatori di trovare facilmente la strada attraverso le strutture, risparmiando tempo prezioso, soprattutto in situazioni di emergenza mentre per i locali pubblici, come aeroporti, centri congressi, stadi, parchi a tema e città, Ruckus SPoT fornisce servizi location-based per il controllo della folla in tempo reale, informazioni di localizzazione ai viaggiatori in ritardo e indicazioni utili su come percorrere queste grandi aree. Infine, per quanto riguarda il mercato education, il servizio Ruckus SPoT è ideale per identificare dove gli studenti e il personale si trovano in qualsiasi momento. 

A corredo di tutto ciò, abbiamo anche introdotto l’ecosistema SPoT location, un programma partner dedicato per gli sviluppatori di applicazioni di terza parte.

D: Che benefici ne trae chi la gestisce?

P: SPoT consente ai provider un accurato posizionamento indoor, che questi ultimi possono sfruttare per creare il giusto contesto per campagne di marketing mirate, sviluppare analisi dettagliate e offrire ai propri clienti servizi customizzati. Grazie alle analisi sui dati storici dei propri clienti che SPoT fornisce loro, i rivenditori possono misurare rapidamente i tempi di sosta e analizzare i modelli d’acquisto.
Munite di queste informazioni, le aziende possono ottenere indicazioni preziose riguardo alla fidelizzazione dei clienti e mettere in atto le giuste strategie per migliorare il proprio business.

D: Esistono benefici anche per gli utenti di una rete?

P: Certamente, il fatto di fornire ai service provider gli strumenti per ottimizzare le performance delle proprie reti consente agli utenti finali di fruire di una esperienza utente migliorata in quanto ad affidabilità, velocità e sicurezza del servizio.

D: Quali saranno i principali annunci di Ruckus Wireless al Mobile World Congress?

P: Al Mobile World Congress quest’anno presenteremo delle importanti innovazioni e tecnologie. Uno dei principali focus sarà appunto sui servizi location-based. Abbiamo già parlato di SPoT in dettaglio.

Un altro importante punto che tratteremo sarà quello delle tecnologie Hotspot 2.0, con demo specifiche sulle nostre soluzioni pionieristiche e tecnologie d’avanguardia direttamente al Carrier Wi-Fi Summit.

In occasione della manifestazione parleremo anche del recente progetto sviluppato con Mweb, uno dei più importanti Isp del Sud Africa, che ha utilizzato i nostri prodotti Smart Wi-Fi a supporto dell’intera rete wireless ad accesso pubblico nazionale così come i managed service Wlan per sfruttare i suoi vasto servizi in fibra disponibili in tutto il territorio sudafricano.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here