Il dynamic pricing evita sprechi nei supermercati

La gestione dei prezzi in tempo reale - in gergo, il dynamic pricing - è una funzione a cui i consumatori si sono abituati: dagli alberghi alle linee aeree, molte realtà definiscono i prezzi dei loro prodotti o servizi in funzione del momento e della richiesta.

Idealmente è un vantaggio sia per chi vende sia per chi acquista, evitando gli invenduti e permettendo un risparmio a chi sa scegliere il momento giusto per acquistare.

Da tempo si parla di applicare il dynamic pricing nei supermercati, dove il problema dell'invenduto per la parte alimentare è serio e ha conseguenze non solo economiche ma anche d'immagine.

Gli sprechi non sono tollerati dai consumatori e la quantità di prodotti freschi o conservati che va smaltita è ancora elevata.

La startup americana Wasteless ha sviluppato un sistema di dynamic pricing pensato proprio in questo senso, per incentivare i consumatori ad acquistare i prodotti che altrimenti avrebbero una elevata probabilità di finire allo smaltimento.

Il sistema funziona considerando ogni singola confezione di prodotto - identificata fisicamente da un suo tag RFID - come un elemento distinto con un suo proprio codice identificativo, che può avere teoricamente un prezzo diverso da tutte le altre.

Nella pratica il parametro chiave usato per definire il costo in tempo reale è la data di scadenza. Un sistema di machine learning tiene però conto - nella definizione del prezzo - anche di una quarantina di altri fattori come l'andamento delle vendite, la disponibilità a magazzino, il lotto di produzione, il periodo della settimana.

Il prezzo così definito viene dinamicamente associato al codice prodotto della singola confezione.

A scaffale i prezzi sono mostrati con etichette digitali, che visualizzano in tempo reale il prezzo fissato in quel momento per le varie "classi" di confezioni. Quelle che scadono in là nel tempo hanno prezzo pieno, mentre quelle che si stanno avvicinando alla data di scadenza hanno sconti via via crescenti.

In fase di pagamento alla cassa dei prodotti scelti, il sistema di Wasteless si basa sull'identificazione della confezione via tag RFID per ricavare il prezzo effettivo in quel momento.

Oltre al dynamic pricing, la piattaforma offre anche funzioni di analisi delle vendite e inventory management, sfruttando la sua capacità di monitorare la presenza a scaffale e le vendite di ogni singola confezione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here