Con la connected car le auto pagano la benzina da sole

Le auto pagheranno da sole la benzina. È questo l’obiettivo al quale stanno lavorando le case automobilistiche che sperimentano soluzioni di pagamento embedded per diversi usi. Nell'ambito del suo lavoro sulla connected car il Gruppo Psa ha lanciato un test con una filiale spagnola di Oney Bank (gruppo Auchan).

Oney ha creato un sistema che permette di pagare la benzina attraverso il riconoscimento della targa. Una volta rilevata la targa, il conducente deve inserire il suo codice Pin sul display o nell'applicazione mobile Automatric.

Dopo due anni di test, la soluzione ha iniziato ad essere implementata. Attualmente è disponibile in una quindicina di punti vendita (tra cui Alcampo, filiale spagnola di Auchan) per un totale di cento punti vendita in Spagna e Portogallo. I commercianti pagano una tassa annuale il cui importo non è comunicato.

La connected car fidelizza il cliente

Il servizio è gratuito per gli utenti di Auchan. Ad oggi, 60.000 conducenti hanno già utilizzato la soluzione. Ogni mese, più del 70% dei driver usa Automatric. È un buon modo per fidelizzare i clienti anche perché rispetto alla carta di credito il risparmio di tempo stimato varia tra il 30 e il 50%. In seguito a questa iniziativa, il team di Automatric ha scelto di integrare il proprio sistema nei parcheggi. Lo scorso maggio ha lanciato un esperimento in un centro commerciale a Madrid. La sua diffusione commerciale è prevista entro la fine del 2017 o all'inizio del 2018 in Spagna. E ora Psa pensa a espandere il servizio in Francia.

Pagamento a bordo

Il produttore francese sta anche sviluppando una piattaforma che riunirà vari servizi, compreso il pagamento a bordo. A differenza del sistema in vigore in Spagna, la convalida dei pagamenti sarà effettuata direttamente sul touch screen della vettura. La soluzione dovrebbe essere collegata ad altre applicazioni per auto. Ad esempio, quando il livello del carburante è basso, la soluzione dovrebbe fornire al conducente un percorso fino alla stazione più vicina. Psa sta inoltre conducendo esperimenti sul pagamento dei pedaggi e sui parcheggi. Per la parte "parcheggio" ha scelto Parkeon, uno specialista del parcheggio intelligente. Con la sua soluzione Whoosh, Parkeon consente agli automobilisti di pagare il parcheggio stradale dalla propria auto attraverso la futura piattaforma integrata di servizi intelligenti. L'interattività con lo smartphone del conducente permetterà inoltre di gestire il parcheggio del conducente a distanza (prolungandolo), in funzione delle sue esigenze. Questa piattaforma è ancora in fase di sperimentazione e dovrebbe essere pubblicata entro la fine del 2017 o all' inizio del 2018.

Le mosse di Jaguar

Nel Regno Unito, Jaguar Land Rover e il gruppo petrolifero Shell si occupano della questione dal giugno 2016. Entrambi hanno creato una società composta da un gruppo di circa 20 persone. Lanciata lo scorso febbraio, l'applicazione Shell è disponibile su tutti i veicoli Jaguar Land Rover equipaggiati con un touch screen che consente di utilizzare applicazioni smartphone in auto. Dopo aver collegato lo smartphone al cruscotto, il conducente può selezionare l'applicazione Shell direttamente sul display e indicare la quantità di carburante che desidera alimentare. Sullo schermo viene visualizzata una ricevuta elettronica che verrà inviata via e-mail. Secondo i dati raccolti quando un utente usa l'applicazione due volte di seguito, tende ad usarla regolarmente. E finisce sempre per utilizzare la versione embedded invece dell'applicazione disponibile sullo smartphone. L' unico aspetto negativo riguarda il metodo di pagamento. PayPal e Apple PayPal sono attualmente gli unici mezzi accettati. Ma Android Pay arriverà prima della fine dell' anno.

La soluzione è attualmente disponibile presso le 1.500 stazioni di servizio Shell nel Regno Unito, ma l'impresa comune prevede di estendere il servizio ad altri paesi nei prossimi mesi. Il gruppo petrolifero ha 43.000 stazioni di servizio in tutto il mondo e 30 milioni di clienti al giorno. Da parte sua, il produttore britannico sta lavorando su casi d'uso per parcheggi e ristoranti con altri partner.

Honda ha sviluppato un sistema simile ma con un altro partner. Il produttore giapponese ha scelto di collaborare con Visa. I due attori hanno realizzato un test all' inizio del 2017 con due varianti. La prima rileva quando l'auto esaurisce il gas e indica la pompa più vicina indicando anche il numero di litri necessari per riempire il serbatoio. La seconda applicazione permette al conducente di pagare per il parcheggio dal cruscotto. Entrambe le applicazioni sono attualmente in fase di test: in California per il pagamento del carburante e a New York per il parcheggio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here