Perché il nuovo Chrome è più sicuro che mai

Google ha rilasciato Chrome 62 per Windows, macOS e Linux, un aggiornamento all'insegna della sicurezza.

Sono state sistemate una trentina di vulnerabilità e creato un nuovo avviso che appare quando gli utenti inseriscono dati su un sito web non crittografato.

Chrome si aggiorna in background, quindi la maggior parte degli utenti può semplicemente riavviare il browser per ottenere l'ultima versione. Per nuove installazioni lo si scarica dal sito Google.

La società aggiorna il brower mediamente ogni mese e mezzo. La versione 61 risalica al 6 settembre. La prossima sarà prima della metà di dicembre.

La versione 62 avvisa gli utenti che un sito non è sicuro se non è crittografato con un certificato digitale e si inizia a compilare qualsiasi campo di un modulo nella pagina.

Ricevono e gli avvisi anche tutte le pagine visualizzate nella modalità in incognito di Chrome. Gli utenti vedranno il testo "non protetto" nella parte sinistra della barra.

L'avviso di operazione non protetta è l'ultimo passo in un percorso intrapreso da Google per fare pressione su tutti i siti per crittografare il traffico.

Chrome aveva già impostato l'allarme quando un sito non crittografato accettava le password o le informazioni sulla carta di credito.

Ora Chrome mostrerà l'avviso non sicuro su ogni pagina HTTP.

Fra le altre modifiche di Chrome 62 si segnala il supporto dei caratteri variabili OpenType, che comprimono le dimensioni e gli stili di dimensioni multiple in un singolo pacchetto, consentendo ai progettisti di creare pagine interessanti con più flessibilità.

Spicca anche il supporto esteso delle Network Information Api, che fornisce metriche di prestazioni di connessione sul browser, uno strumento utile per gli sviluppatori di applicazioni web che creano software in base alle velocità.

Inclusi in Chrome 62 ci sono patch che sanano 35 vulnerabilità di sicurezza, di cui sette sono state classificate "High" e sono state create sulla base dei bug segnalati dai ricercatori di sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here