Approccio Cisco Nexus allo switching di Snam

In cerca di un business agile per gestire, in primis, una rete di trasporto nazionale del gas lunga oltre 32mila chilometri, Snam ha introdotto gli switch Cisco Nexus in uno scenario It composto da otto datacenter da consolidare in uno solo e 220 applicazioni.

Un nuovo approccio allo switching per garantire continuità di servizio e sviluppo sostenibile abbracciando, al contempo, la virtualizzazione e un’architettura standardizzata comprensiva di un programma di disaster recovery per la protezione dei dati critici.

Da qui la scelta di una piattaforma in grado di offrire l’Overlay Transport Virtualization per trasferire le applicazioni e i dati dagli otto siti a un nuovo centro, migrando 1.500 server virtuali senza interruzioni di servizio.

Dopo la nuova installazione, i dati ufficializzati da Snam parlano di una virtualizzazione dei server migliorata del 40%, elevando la continuità di servizio e assicurando una più ampia scalabilità e velocità nel creare nuovi ambienti sottoscritta in una nota ufficiale da Stefano Viotti, responsabile Soluzioni Infrastrutturali Snam.
Grazie all’adozione di standard tecnologici e di un alto tasso di virtualizzazione, la società è riuscita, inoltre, a implementare un cloud privato e ad aumentare ulteriormente la velocità in fase di sviluppo e test con due versioni di sistemi operativi, invece di 25, tre middleware al posto dei precedenti 13, e due database, invece di dieci.

Il Virtual Device Context di Cisco Nexus consente ora all’Ict Snam di eseguire attività di test e sviluppo insieme a produzioni live, grazie alla separazione sicura di entrambi i domini sulla medesima piattaforma Cisco.
Secondo la medesima logica, lo storage e i server per la gestione dei dati e delle applicazioni sono separati e utilizzano firewall per la riservatezza e l’integrità dei dati mentre, parallelamente, meccanismi di sicurezza perimetrale garantiscono un accesso controllato alle applicazioni e consentono di intercettare eventuali attività fraudolente o dannose.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here