Home Digitale WordPress si espande ai podcast con l'app Pocket Casts

WordPress si espande ai podcast con l’app Pocket Casts

Automattic, società a cui fanno capo WordPress.com, WooCommerce, Tumblr e altre diffuse piattaforme web, ha annunciato l’acquisizione di Pocket Casts, potente e popolare app e suite di servizi per i podcast.

Quello dei podcast è un settore che è tornato d’attualità e che sta suscitando nuovamente l’interesse sia degli utenti che delle imprese, anche dei big della tecnologia.

Più di 80 milioni di persone negli Stati Uniti ascoltano settimanalmente un podcast, ha messo in evidenza Automattic nel presentare l’acquisizione.

E l’app Pocket Casts si è fatta apprezzare sia dalla critica che dagli appassionati, in questo ambito, perché rende più facile per i fan scoprire i podcast e personalizzare la loro esperienza di ascolto, grazie al suo gradevole design e alle sue funzionalità user-friendly.

Come parte di Automattic, ha dichiarato l’azienda, Pocket Casts continuerà a fornire le funzionalità che consentono a tanti utenti di fruire dei propri podcast preferiti e trovare sempre nuovi contenuti.

podcast Pocket Casts Automattic

Automattic  ha anche espresso l’intenzione di esplorare lo sviluppo di profonde integrazioni tra WordPress.com e Pocket Casts, per rendere ancora più facile la distribuzione e l’ascolto dei podcast.

L’azienda sembra voler dunque espandere sia la reach di utenti e creatori di contenuti sia i canali che offre per la pubblicazione di questi contenuti.

Secondo Automattic, uno dei vantaggi di Pocket Casts è che aiuta a scoprire contenuti premium con strumenti di ricerca e discovery di livello superiore. È possibile usare la funzione di ricerca degli episodi per cercare un argomento o un ospite che si vuole approfondire, o affidarsi ai consigli dei curatori umani per trovare nuovi podcast.

L’app permette inoltre di navigare facilmente tra i contenuti, grazie a un’interfaccia ben progettata.

È importante, poi, che Pocket Casts consenta di ascoltare ovunque, su numerose piattaforme, tra cui: iOS, Android, web, Windows, macOS, CarPlay, Android Auto, watchOS, Alexa e Sonos.

Ed è possibile personalizzare il proprio modo di ascoltare, con funzioni integrate come la riproduzione a velocità variabile, l’opzione di trim silence, il boost del volume, uno sleep timer, lo storage personale e la riproduzione autonoma per Apple Watch.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php