Windows XP: Microsoft allenta le misure anti-pirateria

La società risponde alle critiche annunciando un cambiamento delle misure anti-pirateria implementate su Windows XP, il cui lancio è previsto per il 25 ottobre.

Microsoft risponde alle critiche annunciando un cambiamento delle misure anti-pirateria implementate su Windows XP, il cui lancio è previsto per il 25 ottobre. A finire sotto il fuoco incrociato delle critiche era stato il sistema “Windows product activation”, che registra la configurazione dei componenti hardware di una macchina per evitare l'installazione della stessa copia di Windows XP su più di un computer: se il profilo hardware viene modificato significativamente, Windows pensa di essere stato installato su un'altra macchina e si blocca fino a quando l'utente non ottiene un nuovo codice da Microsoft.
La cosa naturalmente ha scatenato le ire di innumerevoli potenziali utenti, che hanno fatto notare come semplici aggiornamenti di schede grafiche o di dischi rigidi potrebbero trasformarsi in veri e propri incubi; si è anche diffuso il sospetto che Microsoft possa creare archivi contenenti le caratteristiche di sistema di ogni singolo utente a fini commerciali.
Shawn Sanford, group product manager di Windows, ha annunciato la retromarcia della società affermando: “Stiamo cercando un equilibrio fra la lotta alla pirateria e le esigenze di versatilità dell'utente”. Il prodotto sarà quindi configurato in modo da consentire un certo numero di cambiamenti di sistema in un determinato periodo. ”Un passo - per Rob Enderle di Giga Information Group - nella giusta direzione”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome