Home Digitale VMware annuncia che il VMworld 2021 sarà un evento virtuale

VMware annuncia che il VMworld 2021 sarà un evento virtuale

VMware ha ufficializzato una decisione che era già stata ventilata: dopo il successo del VMworld 2020 in edizione solo online, anche nel 2021 la società americana replicherà l’esperienza di un evento solo virtuale.

Del resto, i numeri hanno dato ragione a 360 gradi alla scelta di Vmware: nel 2020 l’evento ha raccolto 51 sponsor, 180 paesi presenti, oltre 900 sessioni live e su richiesta, oltre 1.000 speaker da tutto il mondo; e ancora 3.900 vincitori della VMworld Challenge e ben 20000 aziende presenti.

Si è trattata di una scelta tutto sommato semplice quanto obbligata: le condizioni dell’emergenza coronavirus non sono tali da poter pensare di organizzare una kermesse in presenza dell’importanza del VMworld, che tradizionalmente attira (per l’edizione europea) molte migliaia di partecipanti a Barcellona.

VMware ha quindi saggiamente deciso di muoversi con largo anticipo e di annunciare che l’evento – unificato a livello globale – si terrà solo onloine dal 5 al 7 ottobre 2021.

Il blog post di VMware è molto chiaro anche sulle motivazioni, chiaramente improntate alla sicurezza di tutti i partecipanti: «Bentornati appassionati di VMworld (e VMware): speriamo che il vostro anno inizi in modo sano e sicuro.
Siamo entusiasti di dare il via al nuovo anno annunciando le date ufficiali per VMworld 2021. Siamo entusiasti di avervi tutti unite a noi online dal 5 al 7 ottobre 2021 . Per garantire il benessere e la sicurezza dei nostri partecipanti, torneremo come evento digitale globale. Non preoccuparti, sarà altrettanto informativo, divertente e coinvolgente, quindi segna i tuoi calendari oggi. La registrazione sarà attiva a giugno, quindi rimanete sintonizzati sulla nostra pagina Facebook e Twitter
per ulteriori annunci

Crediamo che la decisione di Vmware sarà replicata da quasi tutte le grandi società; davvero impossibile immaginare folle oceaniche come quelle radunate dalle convention annuali quando l’epidemia da Covid-19 è tutt’altro che sotto controllo.
Del resto i tempi necessari alla vaccinazione di massa sono troppo incerti per calendarizzare eventi che richiedono mesi di lavori preparatori.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php