Home Prodotti Mobile Vivo fra smartphone, ecosistema e tecnologie innovative.

Vivo fra smartphone, ecosistema e tecnologie innovative.

Negli anni il mercato smartphone ha vissuto numerose ondate tecnologiche, e il 5G ne è la sua più recente evoluzione. Un mercato che è alimentato anche dall’ingresso di nuovi player, e un esempio perfetto è ben rappresentato da Vivo.

Ne abbiamo parlato con Ettore Patriarca, che riveste il ruolo di Retail and marketing Director della società asiatica.

Patriarca ci ha raccontato con chiarezza e convinzione la visione di Vivo; una prospettiva dai contorni netti e che spiegano perfettamente il successo inarrestabile che accompagna la società cinese ormai da diversi anni.

Vivo ha presentato richiesta di registrazione per più di 3.000 brevetti nel campo del 5G e presentato oltre 5.500 proposte di innovazioni tecnologiche sempre sul 5G, e perfino white paper sul 6G, a riprova della volontà di essere un market leader. Un approccio che contribuisce senza dubbio ad accrescere la credibilità del brand.

Vivo e il Benfen: fare le cose giuste nel modo giusto

Ettore Patriarca ci ha spiegato il concetto di Benfen, tanto caro a Vivo: un termine cinese, che possiamo spiegare con “fare le cose giuste, nel modo giusto”. Una filosofia semplice ed efficace, ma sopratutto concreta. Per questo la società cinese si distingue da altre realtà orientali: meno lanci ossessivi di prodotti, e maggior attenzione a dettagli e differenziazione degli stessi.
Lo sanno molto bene gli utenti, troppo spesso disorientati da lineup sterminate, in cui device dal nome diverso nei fatti propongono caratteristiche hardware di fatto identiche.

Tutt’altro approccio quello proposto da Vivo, in cui ogni prodotto ha una propria ragion d’essere ben precisa, e in cui il cliente può ritrovarsi senza alcuna difficoltà.

L’attenzione alle esigenze del mercato al cuore delle strategie

Prodotti come l’ X60 Pro, un eccellente cameraphone coingegnerizzato con Zeiss, dimostrano senza mezzi termini le ambizioni di Vivo.
E che la società sappia aggredire il mercato grazie ad una nono comune capacità di soddisfare le esigenze dei clienti, lo dimostra anche il V23: uno smartphone pensato per i selfie e le videochiamate, grazie alla presenza di una doppia illuminazione a LED frontale. Idea davvero attuale, tutt’altro che diffusa sul mercato.
Grazie a queste proposte, la società è già ora ai vertici del mercato smartphone in Cina e al quinto posto nel mondo, ha affermato Patriarca.

Il futuro: device high-end e ampliamento dell’ecosistema

Cosa possiamo aspettarci da Vivo per il futuro? Lo abbiamo chiesto in chiusura ad Ettore Patriarca. La risposta è stata in linea con le nostre (alte) aspettative. La gamma di prodotti di fascia alta è destinata a rafforzarsi, per due ragioni.
Prima di tutto, i top gamma sono destinati a rafforzare l’autorevolezza di un brand come Vivo che, giova ricordarlo, è in Italia da solo 1 anno e mezzo.
L’altro fronte, che ci incuriosisce molto, è l’ampliamento dell’offerta ad un ecosistema fatto di di device smart. Siamo certi che il Benfen guiderà Vivo, anche in questo caso, verso la strada del successo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

Iscriviti alla newsletter

css.php