<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Prodotti Sicurezza Vectra AI: gli attacchi criptati violano il 70% delle organizzazioni

Vectra AI: gli attacchi criptati violano il 70% delle organizzazioni

Vectra AI, società di cybersecurity specializzata nel rilevamento e nella risoluzione delle minacce informatiche per imprese ibride e multicloud, ha pubblicato il rapporto “The Evolving role of Network Detection and Response (NDR)”.

Il rapporto evidenzia i motivi per cui i team di sicurezza di oggi hanno sempre più difficoltà a rilevare e fermare le minacce informatiche che colpiscono le proprie organizzazioni.

La ricerca di Vectra AI ha rilevato che il 70% delle organizzazioni è stata vittima di un attacco che ha utilizzato il traffico crittografato per evitare il rilevamento. Quasi la metà (45%) ha ammesso di essere stata più volte vittima di attacchi simili.

Preoccupa, inoltre, il fatto che due terzi (66%) delle organizzazioni non hanno ancora visibilità su tutto il traffico criptato, il che le rende altamente vulnerabili a ulteriori attacchi criptati, sottolinea Vectra AI.

Il rapporto mostra che i professionisti della cybersecurity e del networking stanno lottando contro il rapido aumento dei workload per il rilevamento e la risposta alle minacce, fattore che impedisce agli analisti di affrontare le minacce più sofisticate.

Ecco alcuni dei risultati principali della ricerca:

  • Il 45% dei professionisti della cybersecurity e del networking ritiene che i workload per il rilevamento e la risposta alle minacce siano aumentati: il 40% cita un maggior numero di risorse nel cloud e il 36% un maggior numero di dispositivi in rete.
  • Il 37% ritiene che sia aumentata la sofisticazione delle minacce, rendendo difficile per gli analisti individuare gli attacchi legittimi.
  • Il 69% concorda sul fatto che il ritardo tra lo sfruttamento della vulnerabilità e il rilevamento concede agli aggressori troppo tempo per violare una rete: il 29% cita anche problemi di comunicazione tra il Security Operation Center (SOC) e gli altri team IT.
  • Il 23% ritiene che gli analisti SOC non abbiano il giusto livello di competenze e uno su cinque (18%) ritiene che siano sotto organico: ciò suggerisce che gli analisti di sicurezza non siano attrezzati per gestire la portata degli attacchi informatici che devono affrontare.
  • Il 60% delle PMI ritiene che il rilevamento e la risposta alle minacce oggi siano più difficili: ciò dimostra che le organizzazioni più piccole faticano a tenere il passo con l’evoluzione del panorama della criminalità informatica.

Mark Wojtasiak, VP Product Strategy di Vectra
Mark Wojtasiak, VP Product Strategy di Vectra

Le organizzazioni devono affrontare una raffica di minacce su tutti i fronti – nella rete, nel cloud e negli ambienti IT – mentre i criminali informatici utilizzano tecniche come la crittografia per penetrare nelle aziende senza essere scoperti. Inoltre, molte di esse non hanno le competenze o il personale necessario per gestire i crescenti carichi di lavoro in materia di sicurezza. Per arginare il fenomeno, i team di sicurezza hanno bisogno di una visibilità totale sui propri ambienti, in modo da poter individuare i segnali di un attacco prima che diventi una violazione.

Dotando gli analisti dell’Attack Signal Intelligence guidata dall’intelligenza artificiale, le organizzazioni possono dare priorità alle minacce altrimenti sconosciute e urgenti che rappresentano il rischio maggiore per il business. Ciò migliora la produttività degli analisti, riducendo il rumore di fondo degli avvisi di sicurezza, e li mette in grado di ridurre il rischio e mantenere le organizzazioni al sicuro”, commenta Mark Wojtasiak, VP Product Strategy di Vectra.

Il rapporto The Evolving Role of NDR, condotto da Enterprise Strategy Group (ESG), ha intervistato 376 professionisti dell’’T, della cybersecurity e del networking responsabili della gestione della sicurezza di rete per le proprie organizzazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php