Un distributore di tlc per Esprinet

la società sta valutando l’acquisizione di qualche operatore forte nelle forniture ai carrier

6 aprile 2004 Nel mirino di Esprinet ci sono i
distributori specializzati nelle telecomunicazioni. Lo ha dichiarato alla
Reuters l'amministratore delegato Alessandro Cattani. "Con l'accordo di
fornitura a Telecom Italia siamo entrati nella distribuzione informatica alle
tlc e in questo campo intendiamo espanderci ancora. Per accelerare i tempi

- ha aggiunto - stiamo pensando di rilevare qualche distributore
italiano non quotato, con un giro d'affari di 20-80 milioni di euro
,
che sia forte nelle forniture agli operatori telefonici"
. In particolare
Cattani cita gli smart phone, "un mercato convergente rispetto a quello
informatico"
, e aggiunge che in previsione di un'eventuale espansione per
linee esterne chiederà ai soci il rinnovo del piano di buy back per altri 18
mesi. "Questa opzione (il riacquisto di azioni proprie) ci potrà
venire utile in caso di acquisizioni, per pagare con carta tutto il controvalore
o solo in parte"
. Il gruppo Esprinet ha attualmente "circa 50 milioni
di euro di mezzi propri"
.


A fine 2003, la posizione finanziaria netta era negativa per
circa 80 milioni. Per quantoo riguarda le previsioni per il 2004, Cattani
osserva che "l'anno è cominciato bene, anche se di sicuro non vedremo il
+38% di crescita che nel 2003 era dovuto anche alle numerose acquisizioni
effettuate in precedenza"
oltre che alle quote di mercato guadagnate per il
fallimento di Opengate. Nel 2003 la crescita organica era stata dell'11% circa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here