Home Prodotti Trucchi e scorciatoie

Trucchi e scorciatoie

Ci siamo quasi: Word si avvia perfettamente e funziona senza intoppi, anche se di tanto in tanto fa i capricci durante l’esecuzione dei compiti più semplici e banali. Ad esempio, si rifiuta di aprire dei vecchi file di Office, o addirittura di Office 2008, con il classico doppio clic o dopo aver trascinato il documento in questione sull’icona del programma.


Microsoft afferma che tale comportamento è dovuto al fatto che i documenti obsoleti possono esporre il computer a una serie di rischi (generici e non precisati, sempre stando alle note tecniche prodotte da Redmond); pertanto, è stata rimossa la possibilità di aprirli con facilità. L’utente deve così ricorrere al menu File > Apri e localizzare manualmente il file da aprire, navigando la tradizionale finestra di dialogo che compare dopo avere impartito il comando.


I documenti incriminati sono perlopiù quelli generati da versioni di Word precedenti alla 6. Inoltre, alcuni browser Internet e client e-mail come Firefox e Thunderbird modificano il tipo di file nel corso del download o dell’invio per posta elettronica, al punto che Word 2008 li scambia per documenti generati da vecchie versioni di Office. Questo specifico problema è stato risolto dall’aggiornamento 12.1.1 della suite di Microsoft, mentre a partire dalla versione 12.1.7 Word smette di chiudersi inaspettatamente se il correttore ortografico è impostato su “Italiano”.


Altro caso è quello relativo al messaggio di “memoria piena”, che abbiamo visto comparire anche su macchine come Mac Pro, PowerBook G4, Power Mac G5, degnamente carrozzate a livello di RAM. Ma quest’ultima non c’entra niente: per risolvere il problema basta chiudere e riavviare Word, o al massimo riparare i permessi del Mac con Utility Disco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php