Lo sviluppo dell’open source oggi passa per Microsoft

Microsoft paladina dell’open source. La notizia non è nuova, ma ciò che colpisce delle ultime rilevazioni è la distanza che separa la società guidata da Satya Nadella dalla concorrenza.

Lo sviluppatore di Adobe, Fil Maj, ha infatti stilato una classifica realizzata estraendo informazioni dal profilo pubblico di 2.060.011 utenti di GitHub attivi nel 2017 (attivi, significa con almeno dieci o più lavori).

Rispetto a precedenti analisi il lavoro di Maj fornisce un insieme di dati molto più ricco e accurato per capire i contributori totali per ogni azienda.

Le prime dieci posizioni

La nuova classifica vede quindi Microsoft in testa con 4.550 contributi seguita da Google con 2.267 e Red Hat con 2.027. Questo per le posizioni di vertice. Al quarto posto c’è Ibm (1.813) e poi Intel (1.314), Amazon (881), Sap (747), ThoughtWorks (749), Alibaba (694) e GitHub (676) al decimo posto che precede Facebook con 619 lavori.

Il mondo cambia, soprattutto pensando a quando a Redmond open source era una sorta di parolaccia. Poi ci può anche stare che i dipendenti di Google trascurino di aggiungere la propria azienda al proprio profilo, mentre quelli di Microsoft potrebbero essere particolarmente scrupolosi, ma è innegabile il contributo dell'alfiere delle soluzioni proprietarie che da tempo ha apprezzato il valore degli sviluppatori.

E gli altri? Amazon comunque riesce a dare il suo contributo, mentre Red Hat, anche se completamente impegnata nell'open source, sconta le sue ridotte dimensioni rispetto ai competitori e il minor numero di ingegneri.

Qualcosa di più ci si poteva aspettare da colossi cinesi come Baidu (584), Tencent (605) e Alibaba da tempo sono percepite come consumatori netti di open source. E poi c’è Oracle che si ferma a 455 lavori.

Altre curiosità riguardano il fondo della classifica con Apple (292), Salesforce (291), Vmware (271), Adobe (270) e Cisco che chiude l’elenco con 233 lavori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here