Home Ogni hard disk diventa wireless con Toshiba Stor.E

Ogni hard disk diventa wireless con Toshiba Stor.E

La comodità di poter accedere ai dati di un hard disk portatile usando una connessione wireless. Questo è quanto promette Toshiba con il suo dispositivo Stor.E. Ed è una promessa mantenuta.

Toshiba afferma di aver realizzato Stor.E Wireless con l’obiettivo di liberare gli utenti dai vincoli che impongono cavi e fili. Il prodotto permette infatti di condividere, visualizzare in streaming, archiviare e accedere ai contenuti di un hard disk da smartphone, tablet, PC e Mac senza dover collegare i dispositivi via cavo.

Il suo utilizzo è davvero semplice: da una parte si collega a una fonte di alimentazione (solitamente a una presa elettrica, ma all’occorrenza potrebbe anche essere un accendisigari dell’auto), dall’altra a un hard disk (la presa è una sola, USB 2.0). Stor.E si accende ed è operativo piuttosto in fretta: giusto il tempo di creare una rete wireless a cui agli utenti si devono collegare per condividere l’hard disk connesso allo Stor.E stesso. La rete è proprietaria, nel senso che Stor.E non si “appoggia” a un router, ma crea una sua rete.

Toshiba Stor.E
Tre Led permettono di avere sempre sotto controllo il funzionamento e lo stato del dispositivo

Questa connessione, che è stabile e ha una discreta portata (più simile al Bluetooth che non al Wi-Fi), permette di connettere fino a sei apparecchi contemporaneamente. Ci si riesce ma si rischia di arrivare a una situazione limite, che può mettere un po’ alla frusta Stor.E: se si sta al di sotto di tale valore si evita sicuramente di avere utenti insoddisfatti.

Se serve, Stor.e collega anche a Internet

Se si deve navigare in Internet mentre si sta usando Stor.E, il dispositivo può trasformarsi in una sorta di router, grazie alla funzione Internet Pass-Through, consentendo anche l’accesso al Web (è necessario però collegare Stor.E via Wi-Fi a una connessione Internet esistente). Tuttavia, lo ripetiamo, quando si è collegati a Stor.E si rimane sempre all’interno di una rete proprietaria, con i limiti che possono derivare dal fatto di non avere un vero router a disposizione. D’altra parte, Stor.E è un prodotto con dimensioni di 63 x 48 x 10mm e un peso di 24 grammi, che svolge ottimamente il compito per cui è stato creato, ma a cui non vanno chieste prestazioni oltre le sue capacità.

Da Mac o PC, l’hard disk condiviso tramite wireless (può anche essere un SSD o una chiavetta USB) compare all’interno delle risorse disponibili e come tale può essere gestito. L’accesso è immediato, la velocità di trasferimento, nella situazione ottimale di funzionamento, arriva a 300 Mb/s. Ai contenuti del disco condiviso si può accedere anche tramite app (disponibile gratuitamente per iOS e Android) da device mobili: in questo caso, su iPhone o iPad viene visualizzato il contenuto dell’hard disk con una struttura a cartelle e sottocartelle, quasi come si stesse utilizzando il Finder. Questa è però la proposta di default, se si preferisce si può anche scegliere di navigare all’interno dei singoli contenuti in funzione della tipologia (musica, video, foto o documenti), avendo a disposizione una catalogazione più adatta alla visualizzazione secondo i gusti dell’utente. I brani musicali possono essere riprodotti direttamente.

Stor.e Toshiba
La visualizzazione tramite app del contenuto dell’hard disk collegato allo Stor.E

Stor.E Wireless Adapter Toshiba è venduto a 17,90 euro. Per prestazioni e costo può essere una buona opportunità qualora si voglia condividere facilmente un hard disk. E gli si può perdonare se l’interfaccia USB in dotazione è solo 2.0.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php