Home Fintech Sostenibilità alimentare e tecnologia: come SumUp aiuta gli small merchant

Sostenibilità alimentare e tecnologia: come SumUp aiuta gli small merchant

Come afferma SumUp – l’azienda specializzata nella tecnologia finanziaria, che serve oltre 4 milioni di small merchant in tutto il mondo – in Italia cresce l’attenzione per modelli di acquisto e stili di vita sostenibili: il 58% degli italiani ritiene importante ridurre gli sprechi, l’80% presta maggior cura al risparmio energetico e idrico, il 77% tiene conto dell’aspetto ecologico quando acquista prodotti alimentari e bevande (fonte: Osservatorio Packaging del Largo Consumo di Nomisma).

Uno dei trend del 2023, inoltre, è la “veganizzazione” di ricette tradizionali, che invita a rivedere la preparazione di pietanze altrimenti non vegane, ispirandosi a uno stile di vita senza carne e derivati animali: più in generale, il comparto alimentare punta già da alcuni anni alla riduzione degli sprechi e promuove una filiera trasparente che prediliga prodotti locali, catene di approvvigionamento più brevi, nonché sistemi di agricoltura e allevamento sostenibili.

A osservare come questo fenomeno determini le scelte dei commercianti è per l’appunto SumUp, che ha raccolto le storie di 3 titolari di attività e clienti dell’azienda, che hanno messo la sostenibilità al primo posto nel loro business, scoprendo cosa significhi oggi rendere una piccola impresa sostenibile e come la tecnologia possa aiutare in questo percorso.

Da Fattoria La Maliosa, azienda agricola biologica e biodinamica nella Maremma, a Cantina Resom, che tra le vigne trentine unisce tradizione e voglia di innovare, per arrivare a MyDiet, startup romana che porta avanti un’innovativa idea di food-delivery all’insegna del cibo salutare.

Sono in aumento i commercianti del settore horeca che decidono di investire nella sostenibilità per andare incontro alle richieste di consumatori, sempre più attenti alla trasparenza della filiera e all’acquisto di prodotti biologici: l’innovazione digitale è in grado di supportarli nel raggiungimento di tali obiettivi.

Soprattutto per gli small merchant diventa fondamentale disporre di soluzioni in grado di semplificare il loro business: strumenti semplici, convenienti e adatti a gestire le attività quotidiane. La digitalizzazione può, infatti, sollevarli da una serie di attività che diventano così più rapide e automatiche, lasciando loro il tempo di dedicarsi allo sviluppo e all’innovazione del proprio business in ottica di sostenibilità e attenzione al territorio”, commenta Umberto Zola, Growth Lead di SumUp.

Fattoria La Maliosa, la sostenibilità parte dal suolo

la maliosa

Fattoria La Maliosa è un’azienda agricola sostenibile e biodinamica nel cuore della Maremma toscana: a guidarla Antonella Manuli, che 10 anni fa ha dato vita al progetto  in collaborazione con l’agronomo Lorenzo Corino, con il quale ha brevettato il Metodo Corino, basato sulla salubrità del suolo e dei prodotti.

La sostenibilità parte quindi dal terreno, dalle vigne, dagli uliveti. Per raggiungere tale risultato sono state necessarie competenze tecniche e il supporto della  tecnologia: da un lato, soluzioni all’avanguardia hanno permesso a La Maliosa di diventare leader sul territorio nel settore dell’enoturismo; dall’altro, la gestione digitale dei pagamenti tramite le soluzioni di SumUp aiuta a raggiungere e supportare al meglio i clienti.

In particolare, utilizzare SumUp Cassa Pro ci ha dato la possibilità di gestire diverse tipologie di pagamento per andare incontro alle esigenze di tutta la clientela, italiana e straniera. Inoltre, possiamo monitorare l’andamento delle vendite tramite i report, per creare delle strategie sulla base dei prodotti più apprezzati”, spiega Antonella Manuli, proprietaria di Fattoria La Maliosa.

Cantina Resom: una nuova concezione del biologico, e tecnologia SumUp

La sostenibilità per Cantina Resom, certificata biologica, vuol dire rispetto dell’ambiente e utilizzo di prodotti meno impattanti possibili. Per questa piccola azienda vitivinicola di Lamar di Gardolo, in provincia di Trento,  l’obiettivo è riuscire a vinificare tutte le uve prodotte in azienda per trasmettere al consumatore la passione per il territorio.

Essendo coltivatori della terra, siamo i primi responsabili per quanto riguarda l’ambiente e siamo i primi a doverlo tutelare e proteggere. Biologico non è l’arrivo, ma il punto di partenza”, dichiara Tommaso Moser, titolare (con suo fratello Luca), di Cantina Resom.

Nel guidare l’attività che appartiene alla famiglia da generazioni, i fratelli Moser hanno introdotto alcune innovazioni tecnologiche sia in campagna, sia in cantina, ma soprattutto per quanto riguarda gli aspetti di marketing e vendita dei prodotti finiti, tra cui anche SumUp Cassa Pro.

Utilizzando questo strumento il  primo vantaggio che abbiamo avuto si pone da un punto di vista gestionale: oltre a essere una soluzione immediata e intuitiva, ci ha favorito molto nelle operazioni di uscita di merci dal magazzino”.

MyDiet, il food delivery che promuove l’alimentazione sana e sostenibile

Nata da un’idea di Filippo Tonielli, 26 anni, MyDiet è una startup innovativa romana, che si muove nel settore del food delivery: offre, infatti, un  servizio di consegna a domicilio di pasti personalizzati, cucinati dagli chef basandosi sui piani alimentari indicati dai clienti.

La sostenibilità è una delle principali prerogative di MyDiet, che propone abitudini alimentari sane selezionando prodotti che rispettano il territorio. L’azienda lavora con ingredienti a km 0, evita carni allevate intensivamente e verifica sempre la provenienza di ogni alimento. Inoltre, riduce al minimo l’utilizzo di plastiche nel packaging, in favore di materiali riciclabili.

Nel lavorare all’aggiornamento costante della piattaforma digitale MyDiet, le tecnologie digitali costituiscono il fulcro del progetto. “Nel processo di crescita della nostra impresa, l’adozione di SumUp Cassa Pro è stato un passaggio fondamentale perché ci ha permesso di digitalizzare l’intera filiera di produzione, rendendo più efficiente la nostra attività, e quindi aiutandoci ad incrementare sensibilmente la qualità del nostro lavoro. Siamo in grado di sfruttare la maggior parte delle funzionalità offerte, in particolare la gestione degli ordini e delle comande, la possibilità di accettare i molteplici metodi di pagamento e l’organizzazione del magazzino”, dichiara Filippo Tonielli, ideatore e titolare di MyDiet.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

Iscriviti alla newsletter

css.php