Smau 2004 – In produzione il Tablet PC in italiano

A breve disponibili i dispositivi hardware che integrano la versione italiana del sistema operativo

La versione italiana di Windows XP Tablet PC Edition 2005 è
in produzione. E già nelle prossime settimane verranno presentati Tablet
PC con la versione aggiornata, fanno sapere in Microsoft.

In pole position ci sono produttori come Toshiba, HP, Acer, Fujitsu Siemens,
Nec (nessun brand italiano).

«Il Tablet PC - ci ha detto Renato Gobbo, Product
Manager Windows Client di Microsoft - ha avuto un ottimo riscontro nei mercati
verticali, primo fra tutti la sanità dove sono state sviluppate diverse
soluzioni interessanti. Ma anche l’automazione della forza vendita (il
cosiddetto SFA, Sale Force Automation) ha avuto un buon ritorno. Ci aspettiamo
che con la disponibilità della versione italiana, i numeri possano ulteriormente
crescere
».

A ogni buon conto, i Tablet PC sono ancora dispositivi pensati per un mercato
aziendale
, in modo particolare per gli utenti (venditori, commerciali,
tecnici di assistenza, operatori di magazzino) che lavorano sul campo.

In questi casi, una possibile alternativa potrebbe essere il palmare,
decisamente meno ingombrante. Ma Gobbo, più che un’alternativa,
vede la complementarietà fra i due dispostivi. «Se la necessità
è solo quella di registrare un ordine, il palmare potrebbe essere sufficiente.
Ma ad esempio, nel caso della cartelle cliniche, il medico ha anche la possibilità
di vedere direttamente sullo schermo del Tablet la radiografia del paziente,
strada impraticabile nel caso del PDA
».

Gli utenti che già dispongono di un Tablet PC in inglese, possono fare
l'upgrade gratuito alla versione italiana collegandosi a questo sito.

Se la versione a vostra disposizione non è la 2005, il primo passo è
l''installazione del Service Pack 2 che aggiorna il sistema
operativo alla versione XP Tablet PC Edition 2005. Dopodichè bisogna
installare il Recognizer Pack.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here