Server farm servita e Itil v3 per Vodafone Italia

Nel modello di implementazione del datacenter proposto da Sinergy, risorse e processi sono erogati in modalità on demand e secondo Sla predefiniti.

Chiamata a garantire servizi di copertura Gsm, Gprs, Umts e Hsdpa a oltre 30 milioni di utenti di telefonia mobile e a quasi 3 milioni di clienti di rete fissa, Vodafone Italia ha scelto la formula di Farm as a service proposta dal system integrator Sinergy per una server farm costantemente allineata a esigenze dettate da servizi erogati a livello di back end e front end in linea con le normative vigenti.

Dotata di 577 centrali e di oltre 15.600 stazioni radio base, la filiale italiana dell'operatore Tlc, di cui Nadia Benabdallah è network engineering director, ha optato per un nuovo modello di implementazione del datacenter dove le risorse e i processi It sono erogati da Sinergy in modalità “on demand” e secondo Sla predefiniti.

Conforme agli standard metodologici Itil v3, la formula FaaS proposta dall'integratore milanese, con sedi a Torino, Genova, Roma, Padova e Bologna, fa leva sulle best practice in ambito It service management trasformando, di fatto, Sinergy in advisor dell'infrastruttura It implementata.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here