Scoperte pericolose vulnerabilità in XMLHttp e Visual Studio

Un aggressore remoto potrebbe eseguire codice nocivo sulla macchina “vittima”. I nostri consigli

Microsoft mette in allerta i suoi utenti, mediante la pubblicazione di un "advisory"
ufficiale, circa la presenza di una pericolosa vulnerabilità scoperta
all'interno del controllo ActiveX XMLHTTP 4.0. Questa lacuna
assume un'importanza molto rilevante considerato l'ampio utilizzo che oggi si
fa di XMLHTTP: si tratta infatti di un insieme di API che possono essere utilizzate
da parte di un gran numero di linguaggi di scripting (quali, ad esempio, Javascript
e VBScript) per lo scambio di dati tra client e server mediante il protocollo
HTTP. XMLHTTP è uno dei componenti chiave utilizzati nello sviluppo di
pagine web basate su AJAX.

Un aggressore remoto, sfruttando la vulnerabilità di XMLHTTP, potrebbe
eseguire codice nocivo sulla macchina "vittima" semplicemente spingendo
l'utente a visitare un sito web maligno mediante il browser Internet Explorer.
Tra le varie soluzioni temporanee al problema, Microsoft suggerisce di impedire
il caricamento dell'ActiveX "incriminato" in Internet Explorer impostando
uno speciale "kill bit" nel registro di sistema di Windows: si tratta
di inserire uno speciale valore DWORD che impedisce l'utilizzo del controllo.

Non appena Microsoft rilascerà una patch risolutiva, bisognerà
eliminare la chiave aggiunta nel registro di sistema. Nel frattempo, provvedendo
all'impostazione del "kill bit" è probabile che alcuni siti
web non vengano più visualizzati in modo corretto. Per applicare il "kill
bit" abbiamo preparato per voi uno speciale
file REG
. Per annullarne successivamente l'applicazione, è sufficiente
fare doppio clic su questo secondo file REG.

Anche gli utenti di Visual Studio non sono esenti da problemi. Purtroppo, una
vulnerabilità rilevata all'interno della libreria wmiscriptutils.dll
(controllo "WMI Object Broker") può esporre il sistema
ad attacchi remoti. Microsoft dovrebbe rilasciare un aggiornamento apposito
per risolvere la falla di sicurezza nel corso del prossimo "patch day"
previsto per il 14 novembre. Molti siti web maligni stanno però già
ampiamente facendo leva sulla vulnerabilità: è consigliabile anche
in questo caso, quindi, utilizzare l'apposito "kill bit" (file REG per l'attivazione; file REG per la disattivazione).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome