Home Digitale Salesforce sceglie il Low Code per creare applicazioni interattive

Salesforce sceglie il Low Code per creare applicazioni interattive

Dynamic Interactions è il nuovo strumento low code di Salesforce che semplifica il processo di costruzione di applicazioni con componenti che comunicano tra loro, passano dati e reagiscono alle azioni dell’utente.

Utilizzando Dynamic Interactions, ha sottolineato Salesforce, le esperienze interattive possono ora essere create dagli amministratori It e dagli utenti aziendali in pochi minuti e con pochi clic.

Dynamic Interactions inizia con gli sviluppatori che costruiscono i componenti interattivi. Questi possono essere, fondamentalmente, qualsiasi cosa su una pagina web con cui gli utenti possono interagire: come un elenco, un modulo di inserimento dati, un grafico o una mappa.

Una volta creati, gli utenti It possono decidere quando i componenti reagiranno a diverse azioni, come quando qualcuno che visita la pagina fa clic con il mouse o preme specifici pulsanti. E come i componenti interagiscono tra loro in una data pagina, il tutto nell’interfaccia di App Builder.

Prima di Dynamic Interactions, ha messo in evidenza Salesforce, gli sviluppatori dovevano costruire componenti custom e programmare le loro interazioni ogni volta che avviavano una nuova app. Ciò limita le risorse degli sviluppatori e ritarda la consegna delle app business-critical.

Salesforce

Fornendo agli utenti It queste nuove funzionalità low code, secondo Salesforce, Dynamic Interactions è in grado di aiutare le imprese ad accelerare i cicli di sviluppo, ridurre i costi e raggiungere rapidamente i risultati di business.

E poiché i componenti sono ora riutilizzabili, possono essere applicati più volte a qualsiasi nuova applicazione o processo aziendale.

La base su cui poggia la soluzione è la Salesforce Platform.

Ogni esperienza sulla Salesforce Platform è costruita con l’approccio low code e viene fornita con funzionalità incorporate di disponibilità del servizio, scalabilità e sicurezza.

Gli utenti It e aziendali possono creare esperienze contestuali e automatizzate che forniscono le informazioni e le azioni giuste al momento giusto.

E, quando necessario, gli sviluppatori possono personalizzare ed estendere le funzionalità delle app incorporando codice basato su standard e sfruttando l’intera suite di prodotti e servizi forniti con la Salesforce Customer 360 Platform.

Per quanto riguarda Dynamic Interactions, Salesforce ha annunciato che la disponibilità generale è prevista per la fine del 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php