Roaming, fissati i tetti tariffari per gli operatori europei

Un ulteriore passo avanti nella definizione delle nuove regole per il roaming in Europa è stato fatto in giornata dal Parlamento.

Il Comitato che presiede i lavori, si legge nella nota ufficiale, ha dato “forte mandato di negoziazione con gli Stati membri”.
L’obiettivo è garantire un roaming alle stesse tariffe domestiche a tutti i cittadini europei, per questo è importante stabilire dei tetti massimi tariffari quanto più vicini al costo reale dell’accesso in roaming.

Non solo.
L’orientamento della Commissione punta a favorire un regime di competizione, dunque dopo la prossima estate le nuove regole varranno anche per gli operatori più piccoli e gli operatori virtuali.
Per quanto riguarda i tetti tariffari sui prezzi all’ingrosso che gli operatori applicano vicendevolmente per garantire il trasporto del traffico sulle loro reti, questi sono stati così fissati:

  • 3 centesimi di euro invece dei 4 centesimi proposti per le chiamate vocali;
  • per il traffico dati si parla di un graduale passaggio da 4 a 1 euro per gigabyte (la proposta iniziale era di 8,5 euro per gigabyte);
  • per gli sms il prezzo fissato è di 1 euro a messaggio.

I tetti previsti dovrebbero, secondo il Parlamento europeo, abilitare gli operatori a offrire servizi di roaming ai loro clienti senza costi aggiuntivi rispetto a quanto pagano con le tariffe domestiche.
Ora spetta ai singoli Governi recepire le direttive.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome