Risparmio e continuità motori della virtualizzazione

Il 42% degli utenti la adotta come soluzione di base per il data center.

Aumenta a largo spettro il ricorso alla virtualizzazione per le applicazioni enterprise. La conclusione emerge dai risultati di un'indagine presentata da Vmware durante il Vmworld Europe 2009 tenutosi recentemente a Cannes.

La ricerca è stata realizzata fra luglio e agosto 2008 su 1.038 utenti Vmware, una parte dei quali utilizza Esx in produzione.

La business continuity e il consolidamento dei server risultano le prime due motivazioni per l'implementazione della piattaforma Vmware, indicate rispettivamente dal 45% e dal 40% degli intervistati. Gli utenti citano anche la migliore gestibilità (30%) e la possibilità di incrementare il numero di applicazioni business-critical virtualizzate (25%).

Aumenta il numero di chi adotta la tecnologia di virtualizzazione come standard per il data center: oltre il 42% degli intervistati indica la necessità di virtualizzare i nuovi carichi di lavoro server, mentre lo scorso anno questa affermazione era condivisa dal 25% dei partecipanti all'indagine.

Il 92% degli utenti che utilizza sistemi Esx in produzione detiene più di 10 macchine virtuali, il 55% ne ha oltre 50 e il 36% più di 100.

Stanno virtualizzando un'ampia varietà di applicazioni enterprise Windows e Linux, comprese Sap e Lotus Notes. Fra le applicazioni Microsoft più comunemente virtualizzate ci sono Dynamics Gp (Great Plains), Exchange, SharePoint, Sql Server, e applicazioni customizzate .Net. Le soluzioni Oracle più virtualizzate sono quelle PeopleSoft, le applicazioni personalizzate basate su WebLogic e i sistemi database Oracle.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome