Home Digitale Retailer, le previsioni del 2021 di Blue Yonder

Retailer, le previsioni del 2021 di Blue Yonder

Dopo un anno decisamente travagliato per i retailer, il 2021 ormai alle porte presenta una serie di sfide e incognite su cui prova a fare luce Wayne Snyder, VP Retail Industry Strategy EMEA di Blue Yonder.

Secondo il manager nel 2021, come conseguenza della riduzione delle vendite in negozio a favore degli acquisti online, i retailer cercheranno di riadattare lo spazio in eccedenza nei punti vendita.
Diversi retailer hanno già iniziato a trasformare i negozi in centri di distribuzione locali o di evasione degli ordini, dove i prodotti possono essere imballati e preparati per la consegna o per il ritiro.
Un trend, questo, che potrebbe svolgere un ruolo chiave nel 2021 nell’aiutare i retailer che sono stati duramente colpiti dalla pandemia.
È probabile inoltre che i retailer collaboreranno maggiormente per condividere il rinnovato spazio del punto vendita: questo sarà essenziale per risparmiare sui costi in un momento difficile. Per il futuro, Snyder suggerisce ai dettaglianti di valutare come ottimizzare la modalità “click and collect” per offrire un processo semplice e differenziato per il ritiro in negozio o a domicilio. 

Nel 2021 i retailer dovranno ripensare la gestione delle scorte

In risposta alle misure imposte dal lockdown, molti retailer hanno reagito tatticamente cercato di vendere le scorte dei negozi per eliminare quelle in eccesso e alleviare la pressione sui loro magazzini. Il prossimo anno non dovranno concentrarsi sul risolvere problemi a breve termine ma adottare un approccio più strategico: dalla previsione della domanda in base al metodo di evasione, alla garanzia che le scorte siano collocate nel luogo giusto per soddisfare la domanda omnicanale. Assicurare il corretto livello di scorte nel luogo giusto consente di offrire ai clienti una migliore esperienza d’acquisto, riducendo al minimo i costi e i rischi per. L’impatto della pandemia avrà ripercussioni per gran parte del 2021 e, di conseguenza, la pressione sulle consegne online e sulle diverse opzioni di evasione degli ordini è destinata a durare anche il prossimo anno. La flessibilità sarà fondamentale per gestire le scorte e tenere il passo con le mutevoli aspettative dei consumatori.

Dalla birra artigianale al make up, il 2021 vedrà crescere i servizi in abbonamento, poiché i consumatori cercano la convenienza e l’affidabilità che derivano dal ricevere prodotti e servizi direttamente a casa con una certa frequenza, soprattutto quando è applicata una riduzione del prezzo o una consegna gratuita. I servizi basati su abbonamento forniranno ai retailer una maggiore prevedibilità lungo la supply chain e sui ricavi, ma anche l’opportunità di aumentare le vendite e fidelizzare i clienti a lungo termine.

Le vendite retail online diventeranno più sostenibili

Nonostante il Covid-19 abbia rallentato molte iniziative, come la rimozione degli imballaggi di plastica, la sostenibilità rimarrà una priorità nel 2021 e i consumatori si concentreranno sempre di più sull’adottare abitudini e scelte di acquisto sostenibili, anche per gli acquisti on line.

Tutto ciò porterà i retailer a offrire opzioni di consegna più sostenibili, sia per la salvaguardia del pianeta che per soddisfare i clienti. Questo potrebbe includere una maggiore collaborazione per fornire opzioni di delivery più intelligenti, ottimizzando le consegne nelle varie zone, anche se provenienti da retailer differenti. Sono quattro i fattori decisivi associati alla consegna online: costo, comodità, velocità e sostenibilità.

Anche il settore del riciclo continuerà a svilupparsi, poiché i consumatori cercano sia di ridurre il proprio impatto ambientale sia di generare entrate extra. Che si tratti di app o marketplace o di canali specifici offerti da molti retailer, questo nuovo mercato avrà un impatto sulle nuove modalità di vendita e sulle aspettative che i clienti hanno sui retailer.

intelligenza artificiale 2020

L’intelligenza artificiale al servizio dei  retailer

La mancanza di automazione ha rallentato le attività dei retailer durante la pandemia: quasi l’80% ha dovuto aumentare l’intervento manuale per rispondere alle fluttuazioni della domanda e dell’offerta. Nel 2021, i retailer avranno bisogno di affidarsi all’AI per far fronte agli sbalzi imprevedibili della domanda. Grazie alla comprensione dei cambiamenti in corso nel comportamento e nella vita quotidiana dei consumatori quando sarà distribuito il vaccino, i retailer avranno bisogno di catene di approvvigionamento sufficientemente flessibili per restare al passo. L’AI può supportare qualsiasi decisione, dall’approvvigionamento degli articoli con breve preavviso alla definizione di nuovi piani logistici. Tuttavia, i retailer devono pensare in modo strategico quando investono nell’AI: definire attentamente l’ambito in cui si desidera apportare modifiche e assicurarne la realizzazione, consente di raggiungere gli obiettivi aziendali.

Secondo Blue Yonder, il Covid-19 potrebbe avere un impatto determinante nella riconsiderazione del ruolo del punto vendita. Un esempio è la posizione: la pandemia ha visto una crescita della spesa nei negozi di prossimità. Malgrado l’incremento delle vendite al dettaglio online, la pandemia ha anche mostrato l’importanza del negozio. Infatti, la crescita online non ha in alcun modo compensato la perdita di vendite in negozio, che rimane fondamentale nel panorama della vendita al dettaglio.

Nel 2021, i retailer dovranno impegnarsi di più per poter incoraggiare i clienti a visitare i negozi e trovare il giusto equilibrio tra comodità ed esperienza d’acquisto. L’immediatezza dell’acquisto diventerà una distinzione chiave, ponendo ancora maggiore enfasi sulla disponibilità e sulle strutture di ritiro. I negozi devono essere un luogo da esplorare, per effettuare acquisti nell’immediato o in un secondo momento, e sentirsi parte integrante dell’esperienza online. Il servizio clienti deve essere un elemento di differenziazione, anche per la gestione dei resi. Molti clienti quando tornano in negozio preferiscono un cambio immediato o la scelta di prodotti alternativi. In passato, l’online era il luogo in cui trovare un affare, ma ora molti negozi cercheranno di offrire promozioni ed eventi speciali per promuovere le visite. La gestione dei costi sarà fondamentale, così come una forza lavoro motivata, oltre al controllo sugli affitti. Gli aspetti economici e gli obiettivi dovranno adattarsi, ma il negozio continuerà a ricoprire una parte cruciale del panorama del retail.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php