Retail, il negozio fisico sopravvive se usa bene il digitale

La minaccia per i tradizionali operatori del retail è reale: nonostante un'economia in crescita, le chiusure dei negozi negli Usa proseguono.

I dati di Fung Global Retail & Technology mostrano che 6.121 negozi hanno chiuso negli Stati Uniti nel 2017, con un incremento del 203% rispetto all'anno precedente. Dati parzialmente compensati dalle aperture in aumento del 54% rispetto all'anno precedente (3.470).

La situazione è anche peggiore in Italia dove la lunga crisi ha colpito duro il comparto del commercio al dettaglio e portato alla chiusura un negozio su dieci.

Si trattta di oltre 90mila imprese del commercio che hanno cessato o cambiato il perimetro dell’attività. Colpa della crisi e, come succede soprattutto negli Usa, della crescita delle vendite online. Per questo il retail delve elaborare delle strategie per contrastare le nuove tendenze di consumo.

Le cinque cose che può fare il retail

Massimizzare la portata del cross device. Fare sì che i consumatori entrino nei negozi dipende anche dalla capacità di sapere chi sono e raggiungerli con precisione. Questo può essere una sfida per alcuni marketer considerando che, in media, il consumatore di oggi possiede più di tre dispositivi. Al fine di massimizzare la portata del cross device, abbinare i dispositivi alle persone reali, non ai cookie o alle famiglie. Iniziare facendo in modo che i profili anonimi di consumatori siano persistenti e stabili, il che è parte integrante per conoscere i vostri consumatori nel tempo. I dispositivi possono quindi essere abbinati ai profili appropriati in modo da essere in grado di comunicare con fiducia ai consumatori sul dispositivo giusto quando arriva il momento.

Rendere il contenuto rilevante. Non è sufficiente raggiungere i consumatori con un messaggio sul dispositivo. Il contenuto deve essere pertinente per ogni singolo individuo. Gli studi continuano a dimostrare che i consumatori vogliono che gli annunci siano rilevanti per loro; uno studio del 2017 di Epsilon ha rilevato che l' 80% degli intervistati è più propenso a fare un acquisto quando i marchi offrono esperienze personalizzate. La pertinenza si estende non solo ai messaggi che mostrano il consumatore, ma anche ai canali in cui vengono raggiunti. Ad esempio, i rivenditori possono raggiungere i clienti fidelizzati con una pubblicità online più personalizzata. Poiché si tratta di consumatori conosciuti, creare offerte personalizzate è più facile da realizzare e l'approccio può tradursi in un rendimento significativamente maggiore sulla spesa pubblicitaria. Quando si capiscono le abitudini di acquisto di un consumatore e dove è più probabile che si impegnino con il proprio marchio, è possibile costruire relazioni significative che si estendono oltre il dispositivo o canale e creare visite più interessanti nei punti vendita.

Creare esperienze senza soluzione di continuità. Esperienze di consumo senza soluzione di continuità e coinvolgenti, su misura per ogni individuo, possono connettere i mondi online e offline. I momenti di marketing avvengono ovunque e in qualsiasi momento, quindi è importante premiare la fedeltà dei consumatori e l'impegno reciproco trasformando le interazioni in esperienze. Un modo per farlo è attraverso la realtà aumentata, che permette ai marchi di creare esperienze uniche in-store e porta un "wow factor" alla merchandising. Allo stesso tempo, gli eventi riservati ai membri Vip (come l'ccesso anticipato alle vendite o a nuovi prodotti, orari prolungati, regali con acquisto, ecc.). Imparare da questi eventi per trovare il partner giusto che può aiutare a utilizzare le intuizioni per prendere decisioni più intelligenti nel tempo e meglio informare le future decisioni di impegno dei consumatori.

Premiare i consumatori per il loro impegno. Una volta che i consumatori sono in negozio, le capacità di geolocalizzazione possono essere sfruttate per incoraggiare i membri fidelizzati ad acquistare, ricordando loro i premi che possono riscattare o presentando loro un'offerta in tempo reale tramite notifiche mobili push. Utilizzare la funzionalità di gamification all'interno dei programmi fedeltà per implementare strategie di engagement. Premiare i consumatori con badge quando mostrano il comportamento desiderato (visite nei negozi, social sharing) e creare una dinamica competitiva evidenziando le prestazioni dei membri.

Essere tempestivi. Avete la capacità di comunicare ai consumatori in tempo reale, nei momenti in cui sono più ricettivi all'ascolto? Approfitta dei dati in tempo reale che gli acquirenti stanno fornendo online, così come di altri fattori come meteo o posizione. Fornire ai possessori delle carte fedeltà un incentivo a tornare in negozio dovrebbe essere una priorità.  Consideri le offerte di rimbalzo come il 25%  di sconto per il loro prossimo acquisto in-store, o un regalo gratuito con il loro prossimo acquisto per incoraggiare le visite ripetute. L'uso di profili persistenti e una piattaforma tecnologica agile permetterà di inviare messaggi in tempo reale che spingono i consumatori ad agire e portare ai risultati corrispondenti.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here