Il retail ormai non può prescindere dalla georeferenziazione

La georeferenziazione, o geofencing, è una tecnologia per la definizione di varchi virtuali per un dispositivo elettronico. Quando il dispositivo su cui è in esecuzione il software di geofencing (di solito uno smartphone) supera un varco virtuale, entrando o uscendo dall'area, viene emesso un avviso.

La georeferenziazione si basa generalmente sul sistema di posizionamento globale (Gps) o sull'identificazione a radiofrequenza (Rfid). Molte applicazioni di geofencing incorporano anche Google Earth per definire una barriera geografica a parte la vista satellitare. Alcune applicazioni definiscono anche barriere virtuali basate su longitudini o latitudini o su mappe basate sul web.

I casi d'uso della georeferenziazione

Le barriere virtuali possono essere attive o passive. Quelle attive richiedono che un'applicazione sia aperta e che l'utente si colleghi a un servizio. Le barriere passive invece funzionano sempre in background e si basano su dati Wifi o cellulari oppure su Gps o Rfid.

Il geofencing è utilizzato in molte aree. Per la gestione del parco veicoli, è possibile ricevere un avviso se un autocarro devia dal suo percorso e nella gestione delle risorse umane, questa tecnologia può essere utilizzata per garantire che un dipendente non tenti di entrare in un'area non autorizzata.

Secondo gli analisti il mercato della georeferenziazione dovrebbe superare 1,7 miliardi di dollari entro il 2024. Si tratta di un mercato in rapido aumento grazie alla penetrazione globale dei dispositivi mobili e alla crescita favorevole dell'implementazione di servizi basati sulla localizzazione.

Le aziende che prestano dispositivi mobili come smartphone o tablet possono anche utilizzare la geofencing per ricevere un avviso se un dispositivo lascia l'area predefinita e la blocca. Funzioni simili possono quindi essere offerte dal software di gestione dei dispositivi mobili.

Anche i braccialetti elettronici utilizzati da persone agli arresti domiciliari si basano su questa tecnica per controllare che chi li indossa non tenti di uscire dal perimetro autorizzato. I dispositivi Smart Home, come i termostati intelligenti, possono invece modificare la temperatura quando il proprietario entra in casa.

Nel campo del marketing, il geofencing è sempre più utilizzato a tal punto da far emergere un termine specifico: geomarketing. Ad esempio, è possibile definire una barriera virtuale intorno a un negozio. Così, quando un potenziale cliente supera la barriera, è possibile inviargli un'offerta promozionale o un annuncio mobile sul suo smartphone per incoraggiarlo ad acquistare.

Analogamente, è possibile definire una barriera virtuale intorno a un negozio concorrente per offrire ai propri clienti offerte promozionali competitive. Inoltre, anche se la georeferenziazione non spinge sistematicamente la chiatta all'acquisto, è possibile utilizzare questa tecnologia per monitorare il comportamento dei clienti all'interno di un negozio fisico, al fine di utilizzare queste informazioni per sviluppare campagne di marketing più efficaci.

Poiché le aziende stanno realizzando sempre più i vantaggi del monitoraggio e della gestione delle risorse mobili basati sulla posizione per aumentare la forza lavoro e la produttività dei processi, si prevede che il mercato mostrerà una forte crescita nel corso degli anni.

La crescente adozione di campagne di marketing georeferenziate sta guidando la crescita del mercato nel settore automobilistico e del retail. Con la creazione di geofence in prossimità di stabilimenti commerciali concorrenti, le imprese si rivolgono a potenziali clienti nel perimetro offrendo offerte redditizie sui loro prodotti.

Il mercato è spinto anche dall’aumento dell’adozione di soluzioni di questo tipo nei trasporti e nella logistica. Poiché il geofencing offre una soluzione efficiente per la gestione di grandi flotte in diverse aree geografiche, diventa gestibile per monitorare la posizione e la movimentazione dei singoli veicoli.

Un'applicazione emergente di geofencing è utilizzata anche come strumento di reclutamento. Alcune aziende stanno sfruttando la tecnologia per rivolgersi a potenziali dipendenti. Con un database di potenziali talenti, le aziende creano geofence nelle aree in cui queste ricercate persone vivono o lavorano. Quando una persona con credenziali rilevanti entra in questa rea sul suo telefono cellulare viene inserito un annuncio che invita a candidarsi per la posizione disponibile.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome