Home Apple Remote desktop, l’hosting di sessioni Parsec arriva su Mac

Remote desktop, l’hosting di sessioni Parsec arriva su Mac

È ora possibile fare l’hosting sul Mac di sessioni Parsec, la soluzione di remote desktop con cui i professionisti e i team di sviluppatori, designer, architetti e ingegneri possono portare a termine i progetti e lavorare insieme da qualsiasi luogo.

Lo stesso streaming ad alte prestazioni, a bassa latenza e reattivo – ha sottolineato l’azienda – è disponibile sui moderni iMac, MacBook e Mac Pro con macOS Catalina 10.15 o superiore.

Parsec mette però anche in evidenza il fatto che al momento si tratta solo di una early preview e, come tale, ci sono delle limitazioni.

Innanzitutto, l’hosting su macOS non è così ricco di funzionalità come su Windows (non lo è ancora, sottolinea peraltro l’azienda). Inoltre, funzionalità avanzate come il colore 4:4:4 e i display virtuali non sono disponibili.

Gli utenti potrebbero anche incorrere in problemi di prestazioni, bug o problemi generali, poiché il prodotto è ancora in uno stato iniziale di sviluppo. Parsec ha pubblicato una pagina di supporto che elenca le caratteristiche disponibili e non sulle due piattaforme.

Per ottenere la migliore esperienza d’uso con la macOS Hosting Preview la società sviluppatrice consiglia di utilizzare hardware Mac del 2019 o più recente, incluso quello basato su Apple M1, e una connessione di rete cablata.

remote desktop Parsec Mac

L’azienda sembra intenzionata ad affrontare in modo deciso il porting di Parsec sul Mac, e pertanto si dichiara desiderosa di iniziare a ricevere il feedback degli utenti.

Parsec stessa afferma di essere molto interessata all’utenza Mac. macOS è diventato sinonimo di creatività digitale, ha dichiarato l’azienda, e milioni di specialisti di video, musicisti, produttori e animatori, artisti e ingegneri usano il Mac come loro piattaforma preferita.

La società sviluppatrice ritiene che Parsec e Parsec for Teams possano trasformare il modo in cui questi professionisti accedono ai loro contenuti, per lavoro ma non solo.

Inoltre, questo porting espande Parsec a un’ampia serie di app ed esperienze disponibili solo su dispositivi Mac.

L’azienda fa l’esempio dell’uso a distanza di applicazioni come Final Cut Pro, iMovie e Logic X Pro, che può essere piuttosto impegnativo perché queste app richiedono una riproduzione impeccabile, un input preciso e immagini accurate.

Le funzioni di remote desktop di Parsec, secondo la società sviluppatrice, possono permettere alle persone di utilizzare questi grandi progetti tecnici, memorizzati in una suite di editing o in uno studio di registrazione, e lavorare su di essi da qualsiasi luogo.

Parsec è uno strumento collaborativo sin dal suo core, un concetto familiare per gli utenti Mac. È possibile condividere un link con un amico o un collega e in un istante lavorare attraverso lo stesso dispositivo. Task remoti come il pair programming, le revisioni di progetto o le sessioni di test possono essere ora a portata di mano anche su Mac.

Una delle principali mission di Parsec, mette in evidenza l’azienda, è di connettere il mondo a qualsiasi dispositivo da qualsiasi luogo, in qualsiasi momento. E il rilascio del macOS hosting avvicina l’azienda a questo ambizioso obiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php