Regione Lombardia e PoliMi, una rete criptata e veloce a Milano

regione lombardia

Una rete di comunicazione veloce e criptata a Milano, grazie alla tecnologia quantistica; materiali avanzati e sostenibili per il biomedicale e la manifattura.
Questi i due obiettivi di innovazione che hanno portato alla sottoscrizione di un Accordo specifico tra Regione Lombardia e Politecnico di Milano, nell’ambito degli interventi per la ripresa economica del “Piano Lombardia”.

Regione Lombardia ha scelto di puntare sullo sviluppo di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico grazie a nuovi accordi di collaborazione con gli atenei.
Attraverso questi la Regione ha stanziato complessivamente 13,5 milioni di euro per le 8 Università pubbliche lombarde.

A ciascuna di queste sono destinate risorse parti a 1.687.500 euro, a copertura massima del 50% del costo degli interventi. Nell’ambito dell’Accordo di collaborazione con il Politecnico di Milano, il contributo risulta pari al 40,53% del costo complessivo previsto di 4.163.400 euro.

I due obiettivi dell’Accordo con il Politecnico di Milano

Per quel che riguarda il Politecnico di Milano, l’Accordo di collaborazione con Regione Lombardia prevede due iniziative, oggetto dell’intesa approvata dalla Giunta regionale il 10 marzo: POLIQI - POLItecnico Quantum Infrastructure, ovvero un’infrastruttura per la distribuzione di chiavi quantistiche in ambito urbano e Materiali e manifattura avanzati e sostenibili per le Scienze della Vita e la Transizione energetica.

La prima iniziativa punta a realizzare una rete di comunicazione quantistica, che si sviluppa nell’ambito urbano milanese per un diametro massimo di 25 km. La nuova rete  utilizza le fibre ottiche di telecomunicazioni standard già installate nel territorio. Si tratta dunque di un’infrastruttura sicura e veloce per la trasmissione e la condivisione di dati.

La rete a sicurezza quantistica operativa permetterà di sviluppare e sperimentare le più avanzate tecnologie di sicurezza per applicazioni di trasferimento dati in ambito finanziario, amministrativo, sanitario e di intelligence. Inoltre, consentirà di sperimentare nuove soluzioni di comunicazioni e tecnologie quantistiche (manipolazione di qubit); sperimentare nuove soluzioni hardware e software per la realizzazione di dispositivi di cifratura e autenticazione, grazie a chiavi quantistiche periodicamente concordate tra gli autori della comunicazione.

Regione Lombardia, le due sfide per la Manifattura avanzata

La seconda iniziativa di Regione Lombardia punta a potenziare le infrastrutture di ricerca per la progettazione e caratterizzazione di materiali avanzati e sostenibili, a servizio di due grandi sfide per la Manifattura avanzata: lo sviluppo di nuove soluzioni per la fabbricazione additiva (stampa 3D) in ambito biomedicale e lo sviluppo di soluzioni innovative per l’energy storage a supporto della Transizione Energetica.

Nel primo caso, verrà sviluppata una biostampa 3D ad alta risoluzione ed elevata velocità per la realizzazione di tessuti biologici customizzati e complessi; nel secondo, l’obiettivo specifico è quello di sviluppo, prototipazione e testing di innovativi dispositivi elettrochimici per la conversione e l’accumulo di energia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome