Quasi pronti i kit preliminari per l’iniziativa Microsoft a favore della sicurezza

Inizia a concretizzarsi il progetto Palladium, che prenderà il nome di Next Generation Secure Computing Base. La versione definitiva, tuttavia, sarà integrata solo con Longhorn, nel 2005.

23 giugno 2003 Microsoft sta preparando il rilascio di una versione preliminare del kit di sviluppo destinato alla Next Generation Secure Computing Base (Ngscb), nota anche con il nome in codice di Palladium. La disponibilità è prevista in occasione della conferenza dedicato agli sviluppatori professionali, che si terrà il prossimo ottobre. Palladium offre allo sviluppatore la possibilità di lavorare sul codice Ngscb in preparazione per la stesura delle applicazioni che sfrutteranno questa tecnologia. A sua volta, la piattaforma Ngscb dovrebbe essere rilasciata in integrazione e contestualmente all'uscita di Longhorn, futura versione del sistema operativo client, attesa per il 2005. Il responsabile delle tecnologie Windows Trusted Platform, Mario Juarez, dichiara che «il kit rappresenta una opportunità per lavorare fin da subito su questo codice, ma sarà distribuita in forma assai preliminare». Il kit è costituito da un insieme di Api che fungono da “linguaggio di programmazione”.

Ngscb viene progettata per garantire un funzionamento dei personal computer sicuro e “degno di fiducia” e prevede anche dei cambiamenti apportati all'architettura Intel. In altre parole, gli utenti finali dovranno acquistare un nuovo computer per poter sfruttare le future caratteristiche di sicurezza. Microsoft e Intel stanno collaborando per riprogettare Cpu, chipset e componenti di I/O in funzione della nuova tecnologia. Le caratteristiche principali dell'iniziativa sono un forte isolamento dei singoli processi hardware, lo storage “a chiusura ermetica”, la sicurezza dei tracciati di I/O da e verso gli utenti e l'attestazione di autenticità del software. Inizialmente Ngscb sarà rivolta all'utenza in ambito aziendale. Solo successivamente verrà resa disponibile anche nel mercato delle applicazioni consumer.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome