Un tour di Pompei in 3D con la realtà virtuale

L'Istituto Svedese di Roma nel 2000 varò il Progetto Pompei, teso a documentare lo stato della città campana prima dell'eruzione del 79 dC.

Ricercatrice responsabile delle operazioni è stata Anne-Marie Leander Touati, al tempo direttore dell'Istituto a Roma, ora professore di Archeologia e Storia antica presso Università di Lund. Infatti dal 2010 la ricerca attorno al progetto è stata gestita dal Dipartimento della ricercatrice.

Ora il progetto include un nuovo ramo che si può definire di archeologia digitale avanzata, ossia che fa uso di modelli 3D basati sulla documentazione fotografica completata dai ricercatori.

In particolare, un quartiere della città è stato scansionato durante il lavoro sul campo nel 2011-2012 e i primi modelli 3D basati sulle rovina sono stati ora completati.

I modelli realizzati mostrano come era la vita per la popolazione di Pompei prima dell'eruzione del Vesuvio.

I ricercatori sono anche riusciti a completare una ricostruzione dettagliata di una grande casa, appartenente a Caecilius Iucundus.

Durante il loro lavoro sul campo hanno scoperto nuovi elementi edili del 79 dC, ed eseguito studi dello sviluppo edilizio attraverso la storia. In un giardino hanno scoperto che alcuni rubinetti di una fontana erano in azione al momento dell'eruzione e in un negozio tre finestre intatte.

Studiando i sistemi idrici e fognari i ricercatori della Lund University sono stati anche in grado di interpretare le dinamiche delle gerarchie sociali.

Anticamente, infatti, negozianti e ristoratori erano dipendenti dalle grandi famiglie benestanti per l'approvvigionamento idrico necessario alle loro attività, mentre poco prima dell'eruzione fu attivato un acquedotto che ha consentito ai residenti di non dover fare affidamento su alcuni pozzi profondi o dei serbatoi di acqua piovana raccolta in grandi famiglie ricche.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here