Home Prodotti Sicurezza Pmi e cybersecurity, come prendersi cura di un rapporto complesso

Pmi e cybersecurity, come prendersi cura di un rapporto complesso

Ottobre è il mese europeo della cybersecurity, un appuntamento organizzato da Enisa, l’Agenzia europea per la sicurezza delle informazioni, arrivato quest’anno alla nona edizione.

L’iniziativa vuole essere l’occasione per promuovere comportamenti responsabili nel mondo digitale. Per questa nuova edizione, GoDaddy lancia una serie di best practice per rendere più sicuro la vita online dei piccoli imprenditori.

L’Italia negli ultimi mesi è stata presa di mira da un gran numero di attacchi informatici. Secondo dati della società Verizon gli attacchi di phishing e ransomware sono aumentati rispettivamente dell’11% e del 6%, durante la pandemia di Covid-19. Soprattutto a causa del telelavoro che ha costretto molti impiegati a lavorare al di fuori del perimetro aziendale, senza adeguate protezioni di cybersecurity.

Secondo l’ultimo Osservatorio Piccole Imprese di GoDaddy, l’80% delle PMI attribuisca una grande rilevanza al tema della cybersecurity. Tuttavia, sono ancora molti i comportamenti errati e la poca accortezza da parte delle persone sul tema della sicurezza informatica. Proprio per sensibilizzarle, GoDaddy offre una serie di suggerimenti su come padroneggiare al meglio gli strumenti digitali e garantire un buon livello di protezione.

Cybersecurity, le password sono un punto debole

Uno dei punti più vulnerabili sfruttati da cybercriminali resta la password, nonostante sia nota l’importanza di utilizzare password forti con una serie di caratteristiche e la necessità di cambiarle spesso. Eppure, oltre 2 milioni e 500 mila persone a livello globale pensano di proteggersi usando la sequenza 123456 o la famigerata parola password per ben 360 mila volte. Queste le  cinque password più utilizzate al mondo nel 2020:

123456: utilizzata 2.543.285 volte

123456789: usata 961.435 volte

picture1: utilizzata 371.612 volte

password: usata 360.467 volte

12345678, usata 322.187 volte

Quattro delle password appena elencate richiedono meno di un secondo per essere violate. L’unica eccezione è rappresentata da picture1 che richiede circa 3 ore di tempo perché composta sia da lettere che da un numero.

Antivirus e siti web, i consigli di GoDaddy

Oltre la password esistono una moltitudine di azioni da poter mettere in campo per massimizzare la cybersecurity della propria azienda, a partire dall’utilizzo di moderne soluzioni di antivirus. Tra le più fondamentali GoDaddy consiglia di attivare un backup automatico su cloud di tutti i documenti in esso contenuti, ed aggiornare costantemente il proprio software antivirus. GoDaddy in tal senso offre ai propri clienti una serie di tool integrati tra cui un servizio di monitoraggio, che permette di bloccare in maniera preventiva eventuali intrusioni e un criptaggio HTTPS del proprio sito.

Secondo i dati di GoDaddy, nell’ultimo anno si è assistito ad un incremento nell’utilizzo di sistemi antivirus da parte delle Pmi italiane. Si stima infatti che il 63% del campione analizzato ne faccia uso. Se da una parte questo dato rappresenta un buon livello considerata la bassa percezione del rischio informatico nel nostro Paese, dall’altra lascia ancora spazio a margini di miglioramento se comparato ad esempio al 77% di utilizzo che ne fanno le aziende tedesche.

Sempre secondo l’Osservatorio GoDaddy, il 41% delle imprese analizzate utilizza dei Firewall per la protezione dei propri dispositivi informatici.
Un valore di poco sopra alle imprese francesi e spagnole, entrambe al 39%, ma ancora con margini di miglioramento se paragonate alle piccole imprese tedesche che si attestano al 54%.

La scarsa diffusione della crittografia e il valore della formazione

Oltre a garantire un alto livello di cybersecurity del proprio web site, è importante proteggere anche il traffico da e verso il proprio sito web, e per questo GoDaddy consiglia soluzioni SSL (Secure Sockets Layer) che garantiscono la piena cybersecurity della connessione Internet mediante crittografia, e protegge i dati scambiati tra l’utente ed il sito web.

In Italia l’adozione di soluzioni di crittografia da parte delle piccole imprese è ancora bassa, con solo il 18% del campione analizzato che lo utilizza, a confronto la Germania che primeggia con quasi 20 punti percentuali in più (37%).

La formazione resta lo strumento principale da mettere in campo contro le possibili intrusioni informatiche. A tale scopo GoDaddy ha avviato la School of Digital, un ciclo di lezioni gratuite nate con lo scopo di aiutare gli imprenditori e le piccole imprese a utilizzare il digitale in maniera più strategica e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php