Per Cisco crescono gli utili su vendite in calo

Il mercato non accenna a riprendere. Ma se le vendite scendono, gli utili salgono, grazie a una politica di pricing e di contenimento dei costi

5 febbraio 2003 Nel secondo trimestre dell'esercizio finanziario in corso, Cisco ha registrato un incremento del 50% negli utili, passati da 660 a 991 milioni di dollari, grazie ad un'attenta politica di contenimento dei costi. Il risultato si fa ancora più apprezzabile se si considera che è arrivato in un trimestre nel quale per la prima volta in un anno il fatturato ha registrato un calo del 2,1% a 4,71 miliardi di dollari.
Come tutti gli operatori attivi nel comparto, anche Cisco sin dalla fine dell'anno 2000 ha dovuto fare i conti con una graduale erosione della domanda in servizi di comunicazione. La scelta di John Chambers, che gli ha consentito di registrare comunque utili trimestre dopo trimestre, è stata quella di prestare massima attenzione ai costi di esercizio, pur mantenendo i prezzi superiori anche del 50% rispetto all'offering della concorrenza.
Ed è stato lo stesso Chambers a gettare ulteriore acqua sul fuoco, sottolineando che il trend non è al momento destinato a mutare, con aziende ancora più conservative - se possibile - che in passato.
Per il trimestre in corso la socieà prevede un ulteriore calo del fatturato, che potrebbe attestarsi sui 4,57 miliardi di dollari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here