Partner Program
cosa ne pensa il canale

Il pensiero dei rivenditori sui programmi di canale. Negativo o positivo, molto dipende dal tipo di iniziativa proposta. Tutti, però, si lamentano per l’alto costo dei corsi

Sia che si chiamino PartnerFirst, PartnerSelect o PartnerPlus, sia che abbiano nomi un po' più originali Easeofbiz, Take Command o quant'altro, i programmi di canale sono fatti fondamentalmente per creare un rapporto continuativo con i rivenditori, e qualificare la rete delle terze parti.

All'interno del canale, per quanto riguarda le competenze, chi beneficia di questi programmi sono soprattutto i rivenditori a valore e i system integrator, proprio perché questa tipologia di rivenditore non può fare a meno degli skill, e, trattando di prodotti/soluzioni professionali di fascia high end, necessitano di una qualificazione specifica per mercati specifici. In questo caso i programmi spesso si identificano con le certificazioni, ma si tenga presente che il tipico programma di canale di cui stiamo parlando è composto, in genere, sia da una parte marketing/commerciale, sia da una parte più tecnica.
Lo scopo è creare competenze e aumentare il numero di clienti, tanto che, in alcuni casi, dei buoni programmi di canale si affiancano, o meglio, si intrecciano con nuove strategie commerciali, dove si fa chiarezza sulle tipologie di partner ai quali ci si rivolge, proponendo modalità di fidelizzazione e di qualificazione.

I meccanismi per aderirvi in genere si assomigliano, così come gli impegni e i benefici elencati dai produttori e persino le classificazioni dei partner. Queste possono avere nomi diversi, dai classici “gold”, “silver” e “platinum” ai “premier”, “advanced” e “associate”, per citarne alcuni, ma la sostanza non cambia: minimi di fatturato da raggiungere annualmente, certificazione di alcune figure tecniche, corsi commerciali e, ovviamente, sconti e promozioni. Non manca un canale di informazione privilegiato così come help desk e account dedicati. Non vogliamo né semplificare, né generalizzare, ma in buona sostanza di questo si tratta.
L'interesse si accende quando sono i diretti interessati a parlarne come leggeremo nelle prossime pagine.

Ricordiamo, inoltre, che durante Ict Trade 2003, l'annuale appuntamento dedicato alle terze parti, che verrà riproposto anche quest'anno a Ferrara (vedi articolo a pag. 87), la redazione di Computer Dealer&Var aveva raccolto le opinioni dei rivenditori, proprio in merito al tema certificazioni. Allora il 19% dei dealer/Var incontrati le riteneva di reale aiuto per il business, ma un buon 31% pensava che fossero gestite male e il 22% non le considerava sempre utili. Ora abbiamo ampliato l'indagine ai programmi di canale nel loro complesso e non sempre i giudizi sono positivi. Ve li presentiamo non per puro gusto di critica, ma per trasformare le loro opinioni in strumenti per migliorare il lavoro di tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome