Oracle, con il 5G nuovi ecosistemi di servizi digitali

Secondo una nuova ricerca di Oracle Communications, i servizi digitali dominano le strategie attuali e future delle aziende di telecomunicazioni e in generale di tutti i settori e lo faranno ancora di più con il 5G.

Nel rapporto ”Digital Services: Disrupt or Be Disrupted”, Oracle ha rilevato che quasi tutte le organizzazioni intervistate (96%) hanno già implementato i servizi digitali o prevedono di farlo nei prossimi dodici mesi.

Quasi la metà (45%) sta cercando di implementare strumenti di digital customer engagement nelle proprie app mobili e nei propri siti web per promuovere ulteriormente la propria trasformazione digitale nel corso dell'anno prossimo.

Lo scorso settembre Oracle ha intervistato 292 manager con capacità decisionale di spesa in campo IT e software (il 63% degli intervistati era a livello di President/CxO o Direttore) di aziende in 14 paesi. Metà degli intervistati proveniva dal settore delle telecomunicazioni e l'altra metà dai comparti ICT, sanità e manufacturing.

"L'opportunità digitale è chiaramente riconosciuta dalle aziende di tutti i settori - ha affermato Doug Suriano, vicepresidente senior, general manager di Oracle Communications -. Le aziende di telecomunicazioni hanno già una buona esperienza nella fornitura di servizi digitali, e affrontano la sfida di offrire nuovi flussi di entrate differenziati in modo agile. Altri settori invece, in molti casi stanno iniziando a offrire abbonamenti digitali e servizi abilitati da prodotti fisici, e capiscono che hanno bisogno di sistemi di monetizzazione dei servizi digitali più sofisticati e moderni per capitalizzare sulle loro opportunità digitali".

Verso migliori esperienze digitali con il 5G

Dal rapporto si evince che il 5G accelererà le opportunità. Guardando al futuro dei servizi digitali ad alta velocità, in tempo reale e basati su sensori, gli intervistati hanno indicato che i servizi basati su sensori come quelli per le smart city e i veicoli connessi e autonomi sono le due migliori opportunità per il digitale ecosistemi di servizio abilitati dalla tecnologia 5G.

Il numero di società non appartenenti alle società di telecomunicazioni che esplorano opportunità di smart city aumenterà dal 34% di oggi al 50% quando sarà abilitato il 5G.

L'opportunità di veicoli connessi e autonomi aumenterà dal 29% di oggi al 46% con il 5G in funzione. Questo illustra il valore intersettoriale di tali ecosistemi di servizi digitali abilitati all'adozione di 5G.

5G vuol dire essere veloci, essere agili

La velocità e l'agilità sono fondamentali per trarre valore dal 5G: il 91% degli intervistati attribuisce priorità alla velocità di commercializzazione in un ambiente IT completamente integrato, con il 69% che preferisce una soluzione leggera che può essere implementata rapidamente su una soluzione completa che richiede molto più tempo per l'implementazione.

La velocità di commercializzazione è fondamentale, con la metà convinta che il lancio di nuovi servizi abilitati digitalmente dovrebbe richiedere giorni, non settimane o mesi.

I servizi di lancio non riducono la competitività e interrompono i rischi: quasi i due terzi (65%) hanno segnalato una riduzione della crescita dei ricavi come la più grande preoccupazione di non avviare servizi abilitati digitalmente, seguito dal 55% che ha affermato di non essere in grado di differenziarsi in modo competitivo sul mercato. La metà è preoccupata per la perdita della percezione e della rilevanza del marchio.

Avere modelli di pricing più sofisticati, oltre alle semplici sottoscrizioni, è essenziale per le aziende che promuovono una differenziazione sostenibile del mercato e una crescita dei ricavi.

Le aziende hanno riconosciuto l'importanza del raggruppamento di più prodotti o servizi digitali per creare proposte più convincenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome