Home Digitale Nutanix semplifica Kubernets con Karbon 2.1

Nutanix semplifica Kubernets con Karbon 2.1

Dopo il recente annuncio di Nutanix Karbon 2.0, Nutanix lancia il primo aggiornamento: Karbon 2.1.

La nuova versione si propone lo scopo di rispondere a due delle sfide più complesse di Kubernetes: networking e storage.

Integrazione di Calico in Nutanix Karbon 2.1

Connettere alla rete i pod Kubernetes e renderli accessibili ad altri servizi o reti esterne può risultare difficile e richiede l’utilizzo di reti overlay e NAT. Su larga scala, ciò può diventare estremamente complesso. Molte aziende cloud-native alla ricerca di una soluzione di rete per container in grado di fornire un’esperienza coerente così come funzionalità applicabili a diversi ambienti Kubernetes, hanno scelto proprio Calico.

Calico combina funzionalità di networking flessibili con l’applicazione pervasiva delle policy di sicurezza, per fornire una soluzione con prestazioni native a livello del kernel Linux e scalabilità cloud-native. Questa soluzione è diventata lo standard di riferimento nell’ambito delle tecnologie di rete open-source Kubernetes, oltre ad essere richiesta da gran parte dei clienti Nutanix che utilizzano Karbon. Ecco perché da oggi, Calico è un componente integrato di Karbon.

Grazie a questa integrazione, gli utenti Karbon possono beneficiare di funzionalità di networking Kubernetes semplificate e basate su strumenti nativi che forniscono un throughput migliore rispetto a Flannel o a un plugin  di rete overlay-based. Poiché Calico sfrutta strumenti standard e i più conosciuti protocolli di rete, il rilevamento e la risoluzione di problemi risulta estremamente semplice sia per gli amministratori di rete che di sistema.

Inoltre, Calico permette di implementare le policy di rete con semplicità. Ad esempio, gli utenti possono isolare i pod l’uno dall’altro e limitare l’accesso verso e da un’applicazione. Nel complesso, gli utenti hanno un controllo di rete più accurato a livello di distribuzione dell’applicazione.

L’integrazione di Calico in Karbon ha portato anche all’alleanza tecnologica con Tigera, azienda che ha inventato Project Calico, di cui è anche il principale maintainer.
Tigera è una società open-core che offre Calico Enterprise, una soluzione basata su Project Calico e che include funzionalità che permettono a più team e aziende di utilizzare Kubernetes in un ambiente di produzione sicuro. La tecnologia di Tigera è utilizzata dalle più importanti aziende SaaS e del settore dei servizi finanziari, retail e gaming in cui la sicurezza e la conformità sono aspetti chiave.

Clonare ed estendere i volumi CSI

La clonazione dei volumi, recentemente integrata in Kubernetes, è una funzionalità chiave nella protezione dei dati. In base alla documentazione utente Kubernetes, la funzionalità CSI (Container Storage Interface) Volume Cloning fornisce supporto per specificare i PVC esistenti nel campo dataSource per indicare che un utente desidera clonare un volume. Nel momento in cui un volume viene clonato in Kubernetes, viene creato un duplicato esatto che può essere utilizzato nello stesso modo del volume originale.

L’integrazione di questa funzionalità nell’interfaccia CSI (inclusa in Karbon), permette agli utenti di beneficiare appieno della tecnologia di clonazione di Nutanix. Grazie a Nutanix, i dati dell’applicazione vengono inseriti nel momento della clonazione, riducendo i tempi di configurazione e l’utilizzo dello spazio complessivo. Inoltre, se l’applicazione che utilizza il volume clonato richiede una dimensione di volume maggiore, il driver CSI aumenterà di conseguenza la dimensione del volume clonato.

La possibilità di clonare i volumi permette agli utenti una rapida risoluzione dei problemi legati alle applicazioni stateful containerizzate. Permette di duplicare immediatamente i dati di un’applicazione in esecuzione in modo da rilevare un problema o testare una nuova versione dell’applicazione.

API ampliate

Con Karbon 2.1, gli utenti possono utilizzare i loro strumenti e portali preferiti anche per l’esecuzione dei flussi di lavoro Karbon. I cluster Kubernetes possono essere creati in modalità self-service attraverso Nutanix Calm, ServiceNow o qualsiasi altro portale che può effettuare chiamate API.

Attraverso le API ampliate di Karbon, gli utenti possono fornire cluster Kubernetes on-demand (per sviluppatore, per progetto, ecc.), e automatizzare la raccolta di file kubeconfig per un determinato cluster. È inoltre possibile automatizzare l’accesso SSH ai nodi dei cluster, attività particolarmente utile per il debug.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php