Home Digitale Nutanix, l'importanza dei reparti IT nella gestione delle risorse

Nutanix, l’importanza dei reparti IT nella gestione delle risorse

Secondo Andrew Brinded, Vice President & General Manager EMEA Sales, Nutanix, a fine 2020 quasi tutte le aziende si sono trovate a dover ridistribuire le risorse aziendali e tecnologiche.

Con la ripresa dell’economia a livello globale le organizzazioni hanno l’opportunità di riorganizzare le proprie risorse. E di utilizzarle in modo tale da creare il massimo valore possibile per dipendenti, partner e clienti.

La pandemia ha messo in moto, o in alcuni casi ha accelerato, una serie di cambiamenti che stavano già emergendo. Ad esempio, clienti e dipendenti si chiedono sempre più come vogliono vivere e quale sia lo scopo del loro lavoro e quello dell’azienda. Di conseguenza, sarà sempre più importante adottare un approccio più orientato al cliente. Il quale, a sua volta, darà luogo a una maggiore richiesta di processi aziendali automatizzati e basati sui dati.

Nutanix, il ruolo chiave dei CIO e dei reparti IT

In tal senso, i CIO e i team IT possono aiutare le aziende a riallocare le risorse, adottare nuovi strumenti e nuovi metodi di lavoro. Da un lato, i responsabili della tecnologia per la digital transformation aiuteranno le aziende a ridurre i costi dei processi aziendali e le spese IT. Dall’altro, aumenteranno il contributo della tecnologia sul successo economico delle aziende. Grazie alla diminuzione dei compiti ripetitivi a basso valore e al miglioramento dei flussi di informazioni e della connettività in tutta l’azienda.

Secondo il manager di Nutanix, durante la pandemia, i dirigenti aziendali di molte imprese si sono trasformati in una task force dedicata alle questioni strategiche per il business. Tra cui la gestione della crisi, la riduzione dei costi, il recupero del vantaggio competitivo, la sostenibilità e il ritorno alla redditività. Durante una crisi globale, tutti questi aspetti richiedono una riallocazione delle risorse.
Guardando al futuro, i dirigenti aziendali intendono concentrarsi su redditività e sostenibilità del business. Questa rappresenta un’ottima opportunità per ridistribuire nuovamente le risorse. E, nel farlo, utilizzare il potere della tecnologia affinché la riallocazione vada a beneficio dell’azienda sul lungo periodo.

trasformazione digitale

Le trasformazioni dei dipartimenti IT nella digital transformation secondo Nutanix

Secondo IDC, questa è la sfida più difficile che i CIO si troveranno ad affrontare nella loro carriera. I leader della digital tranformation coglieranno l’opportunità per dare una svolta alle loro aziende, per un nuovo futuro.
I risultati della ricerca di IDC sono in linea con quelli degli studi di Nutanix. Secondo i quali dopo aver riorganizzato con successo la propria azienda durante la pandemia, i CIO dovranno far fronte al maggiore utilizzo e all’adozione diffusa delle tecnologie digitali.

Così facendo, andranno oltre i classici confini del dipartimento IT e si integreranno maggiormente con i processi aziendali per poter aiutare altri team a risolvere le problematiche che si trovano ad affrontare. Tutto ciò porterà le aziende a diventare più agili e in grado di adattarsi. IDC afferma che la tecnologia diventerà il sistema operativo dell’azienda. Sono d’accordo con quest’affermazione: se le imprese devono essere flessibili, allora i processi di business non possono più essere fissi. Sia i processi aziendali che gli strumenti che li abilitano devono poter cambiare rapidamente secondo i bisogni del dipendente o del cliente.

Nuovi valori

Dal punto di vista di clienti e dipendenti, la pandemia ha anche fatto emergere o portato ulteriormente alla ribalta la richiesta di nuovi valori. Dopo la ridistribuzione delle risorse aziendali a seguito della pandemia, ci si aspetta che le imprese ora si riorganizzino, adottando un approccio più orientato al valore per la propria forza lavoro, il proprio lavoro e i clienti. Secondo un importante studio condotto dai consulenti del Boston Consulting Group (BCG), l’89% della forza lavoro si aspetta un certo livello di flessibilità sul luogo di lavoro. Sono state intervistate 209.000 persone in 190 paesi, compresi i dipendenti che lavorano fuori ufficio, ed è emersa con forza la richiesta di un modello ibrido per la settimana lavorativa.

Tutto ciò, secondo Nutanix, non riguarda solo il futuro dell’ufficio. La ridistribuzione delle risorse che non sono più riunite presso la sede dell’azienda è anche un’opportunità. Può essere sfruttata per spostare il bene più prezioso di un’azienda – le sue persone – più vicino al cliente.
Con talenti sparsi in tutto il territorio o nel mercato in cui opera un’azienda, si potrà avere una visione e una conoscenza più approfondita delle esigenze dei propri clienti. E quindi creare relazioni più solide ed efficaci. Ne risulteranno prodotti e servizi migliori e un business più redditizio.

Non solo chi opera nel mondo della tecnologia riscontra un incremento dei modelli di lavoro ibridi. Il think tank politico Demos ha recentemente redatto un report in cui si afferma che con un miglior allineamento tra lavoro e vita privata si ottiene un aumento della produttività e che un modello di lavoro ibrido sia il miglior percorso possibile per raggiungere tale risultato. In effetti, molte importanti aziende di tecnologia riferiscono che la produttività dei propri dipendenti è aumentata durante la pandemia, un altro argomento a favore della ridistribuzione delle attività verso una maggiore flessibilità e una conseguente produttività.

big data

L’importanza della gestione dei dati per le organizzazioni moderne

La pandemia e le nuove modalità di lavoro hanno messo in evidenza il potenziale che la tecnologia offre alle aziende e a interi settori.
Gartner prevede che gli investimenti in servizi e prodotti per l’infrastruttura applicativa aumenteranno del 26,6% all’anno. Secondo il manager, lo studio basato sui dati provenienti dal servizio di governance dei costi multicloud Nutanix Xi Beam, che i CIO utilizzano per la gestione dell’infrastruttura cloud, mostra che le aziende stanno accelerando l’adozione di database relazionali as-a-service sulle piattaforme Amazon AWS e Microsoft Azure. Le aziende con un elevato livello di maturità utilizzano oltre 15 servizi cloud come parte della loro strategia di consumo del cloud (è interessante notare che gli utenti di Azure utilizzano più frequentemente anche altri servizi Azure). L’Infrastructure-as-a-Service (IaaS) per l’elaborazione, il networking e lo storage rimane la principale voce di spesa per il cloud.

L’analisi di Xi Beam mostra che i database basati sul cloud sono la seconda voce di spesa più alta. Ciò suggerisce che le aziende non solo desiderano gestire in modo più efficiente i loro dati e il costo di archiviazione di grandi quantità di dati, ma anche che una più ampia distribuzione dei dati va a vantaggio dei progetti di innovazione.

intelligenza artificiale collaborativa

Cloud e dati alla base di intelligenza artificiale e machine learning

Poco prima che la pandemia di Coronavirus determinasse la più significativa riorganizzazione aziendale mai vista nella nostra vita, The Economist Intelligence Unit ha riferito che i dirigenti avevano in programma di incrementare l’adozione di tecnologie emergenti. Come l’automazione dei processi robotici, le reti definite dal software e naturalmente il machine learning e l’intelligenza artificiale.
Tutte tecnologie che si baseranno sull’uso di grandi cloud e set di dati. Queste tecnologie permettono una riallocazione delle risorse, liberando il personale da compiti ripetitivi e che non generano valore. Traendo analisi approfondite dagli archivi di dati e migliorando i servizi ai clienti. Tutto ciò deve essere sfruttato per assegnare ai dipendenti i compiti che creano davvero valore per l’azienda.

Concludendo, il manager della società rileva che l’attività aziendale non è più legata a un luogo. Ciò significa che le aziende ora possono ora offrire ai propri clienti valore laddove lo cercano.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php